Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, porta la droga in carcere nascosta nel passeggino: smascherata dalla polpenitenziaria

Il SAPPe, il maggiore sindacato di categoria, commenta positivamente la notizia

Più informazioni su

Sanremo. Ancora una volta la Polizia Penitenziaria di Sanremo è intervenuta per evitare l’ingresso in carcere di sostanze stupefacenti.

Il SAPPe – il maggiore sindacato di categoria – commenta positivamente la notizia e aggiunge il segretario Lorenzo – dopo l’intervento dello scorso 1 dicembre oggi nuovamente si è intervenuti per bloccare un altro tentativo di introduzione di sostanza stupefacente nel carcere di Sanremo. Questa volta è ancora più drammatico l’escamotage ideato da una donna di origine marocchina che, pensava di eludere i controlli all’ingresso dei colloqui, presentandosi con un bimbo nel passeggino per effettuare il colloquio con il proprio fratello appunto detenuto a Sanremo. Non è sfuggito all’esperto poliziotto di turno il fare sospetto della donna e per questo ha chiesto l’intervento dell’unità di polizia femminile per effettuare un accurato controllo che ha consentito il ritrovamento della modica sostanza stupefacente nascosta nelle parti intime.

L’episodio riporta alla ribalta la questione della sicurezza nelle carceri liguri che non può fare a meno della Polizia Penitenziaria e da qui la necessità di potenziare l’attività della Polizia Penitenziaria su tale fronte. Aggiunge il SAPPe – «non è la prima volta che la Polizia Penitenziaria sequestra sostanze stupefacenti che con mille artifici, si cerca di introdurla negli istituti. Ad esempio, continua il SAPPe – Ricordiamo Marassi dove più volte si è costretti a sequestrare droga lanciata, all’interno del cortile del carcere, dalla confinante strada pubblica. Sono sempre più strategiche le metodologie per cercare di eludere i controlli, per questo – ne è convinto il SAPPe – è necessario aumentare il livello di attenzione ed affidare alla Polizia Penitenziaria maggiore autonomia oltre a dorarla di efficienti strumenti di controllo e di prevenzione come i cani antidroga da utilizzare specialmente durante le fasi dei colloqui tra detenuti e famigliari che risulta essere uno degli accessi maggiormente vulnerabili.»

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.