Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, il candidato sindaco Tubere interviene su spiagge e territorio

«Riteniamo che il territorio sia risorsa da valorizzare e non da consumare per attività speculative»

Sanremo. Il candidato sindaco Giorgio Tubere con la Lista “Città bene comune”  interviene sui recenti fatti, importanti per la città ed il suo sviluppo, legati alla cura del nostro territorio.

«Diventa una sfida improrogabile e definitiva per la prossima amministrazione l’attenzione e l’investimento prioritario per:

– La protezione del territorio, il contrasto al dissesto idrogeologico sulla costa e all’interno (particolarmente allarmante per i frequenti episodi di fragilità in zona Tre Ponti, La Vesca, le continue segnalazioni nella parte alta della Pigna – via del Popolo – i
continui episodi di incuria nella città vedi la recente chiusura di via Fiume), la difesa delle spiagge e degli arenili dalla continua erosione, per evitare pericoli alle persone e migliorare la nostra capacità di accoglienza e di proposta turistica, necessita di interventi urgenti poiché si tratta di ambiti importanti per la creazione di lavoro e la fruibilità delle nostre risorse ambientali.

Siamo convinti che il rilancio turistico di Sanremo debba avere come base e presupposto principalmente la modernizzazione delle infrastrutture per una raggiungibilità più veloce, la protezione e la qualificazione delle spiagge, la tutela della nostra costa, la pulizia delle acque, il miglioramento del decoro urbano. Riteniamo che il territorio sia risorsa da valorizzare e non da consumare per attività speculative. Per questo siamo preoccupati e critici verso i grandi progetti di nuova espansione edilizia sul litorale, che stanno caratterizzando l’azione dell’amministrazione uscente anziché investire prioritariamente su interventi pubblici di difesa della costa e della sua erosione, delle spiagge, dei beni comuni, che costituiscono una grande risorsa ambientale, economica e turistica per la nostra comunità, ha deciso di perseguire la strada di progetti dall’impatto ambientale molto invasivo. Lanciamo questo allarme in prossimità della nuova stagione estiva che, speriamo per i nostri operatori balneari, possa essere di alto livello in tutte le zone della città, dalla Foce ai Tre Ponti».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.