Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia Rugby under 12 senza limiti anche al Festival del rugby a Sanremo foto

Ennesimo successo della under 12 guidata da Alessandro Castaldo e Mariuccia Reitano.

Sanremo è Sanremo, ma è anche una città rugbistica da un po’ di tempo in qua. È così che va in scena il quarto festival del rugby, con una trentina di compagini iscritte dagli under 8 agli under 14. Il torneo si svolge su due giornate e quella di domenica è riservata ad under 8, 10 e 12. In primo luogo, per Imperia Rugby, si rileva l’ennesimo successo della under 12 guidata da Alessandro Castaldo e Mariuccia Reitano.

Come dire il gatto e la volpe: due figure solide, cresciute a pane e rugby e costantemente elettrici. Detto questo, la under 12 si presenta con un roster di 28 giocatori. Di fatto giocano tutti e non solo come Imperia, ma, con spirito autenticamente anglosassone, si prestano alla causa ovale rimpinguando il gruppo del Mentone. Per molti sarà un’avventura “sotto molte bandiere” e uno sommo divertimento anche per l’incontro e la collaborazione con giocatori di altro idioma.

L’attività è stata impreziosita non solo dalla presenza di tre ragazzine nel novero del folto gruppo under 12 (Cristina Arquà, Emma Palumbo Varano, Giada Mesiano), ma anche da una inesausta sequenza di successi e da una sola meta subita. Il tutto lavorando costantemente su velocità, riciclo e sostegno, considerando anche il novero internazionale del torneo, ove i francesi si sono dovuti adattare alle regole italiane rispetto alle loro, che li costringono al “tocco” e non al placcaggio. Piace ricordare la crescita di molti e soprattutto la necessità, ormai impellente di poter disputare altri tornei a fronte di avversari ancora più performanti. Non tanto per smania di successo, che, a questi livelli, non è cosa rugbistica, quanto per misurare i propri limiti e, dunque, crescere.

Del resto è questo il verbo imperante all’Imperia Rugby. E le capacità societarie ci sono tutte. Va premiato il ruolo educativo, il posizionamento sociale.

Imperia Rugby in campo con Gandolfi, Desideri, Covino; Csizovsky, Ceccarelli; Cavallo, Bocchi, Borca; Balestra, Bissaldi, Arquà Cristina, Arquà Alessandro, Giovannini, Goggi, Gjinaj, Marano, Mesiano, Luvoni, Marchini, Musso, Palumbo Varano Emma, Palumbo Varano Lorenzo, Vianello, Pelle, Olivieri, Semeria, Zinghini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.