Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Diano Marina, il molo delle Tartarughe rivivrà col nuovo “Palavela” foto

Skyline rinnovata e ritorno al futuro nella Città degli Aranci. Chiappori: «Un sogno che si realizza»

Diano Marina. Presentati  due progetti, entrambi finanziati dalla Regione Liguria attraverso il Fondo Strategico, che verranno appaltati a settembre 2019 e conclusi entro il 2020.

Si tratta del secondo intervento di rigenerazione urbana sugli ex sedimi ferroviari, per il tratto che va dall’ex passaggio a livello a tutta la parte della ex stazione, e della costruzione di una nuova struttura polifunzionale sul Molo delle Tartarughe.

Rigenerazione urbana.

Come seguito al primo intervento (dall’Evigno all’ex passaggio a livello Via Santa Caterina/Via Cesare Battisti) presentato poco più di un mese e interamente finanziato dal Comune, che è ormai alla fase di appalto e in tempi brevi e verrà cantierizzato e terminato entro fine luglio, l’architetto Sergio Raimondo di Sanremo ha presentato il secondo degli interventi di rigenerazione urbana (dalla ex Stazione FS all’intersezione con Via Villebone) che consentiranno la ricucitura tra le due parti di Diano Marina, prima separate dal tracciato ferroviario.

Pur essendo concettualmente molto simile al primo intervento, quanto progettato per il sedime prospicente la ex stazione consentirà di recuperare oltre 200 posti auto in superficie. Lo spostamento dei parcheggi e della viabilità consentirà anche la riqualificazione di Piazza Mazzini e via Agnese come zona mista (pedonale, ciclabile, carrabile ZTL) oltre che la ricucitura con via Capocaccia.

L’intervento è inserito nel più ampio progetto della Ciclopedonale del ponente ligure per la quale la Regione sta svolgendo un ruolo di coordinamento con Ferrovie dello Stato (proprietaria delle aree) ed i Comuni di Imperia, Diano Marina, San Bartolomeo al Mare, Cervo ed Andora.

Nuova struttura polifunzionale sul Molo delle Tartarughe.

Diano Marina avrà finalmente una sede per organizzare congressi, convegni, incontri, piccole fiere, serate di gala, catering, eventi di ogni tipo. L’intervento presentato dall’architetto Carlo Alberto Cozzani prevede di utilizzare gli spazi pubblici attualmente interdetti al pubblico sul Molo delle Tartarughe, con una modalità architettonica che riprende Villa Malaparte di Adalberto Libera sull’Isola di Capri. Una soluzione che – oltre a dar vita alla struttura polifunzionale – creerà una sorta di sagrato laico alla Chiesa di Sant’Antonio Abate e – sul tetto – una piazza accessibile a tutti attraverso maestosa scalinata.

«Sarà un oggetto polivalente, elastico, pronto per fare tante cose – ha spiegato Cozzani – sarà alto sette metri e mezzo e sarà all’altezza delle della skyline di Diano Marina. Dalla piazza-terrazza si potrà ammirare il Golfo dianese nella sua interezza, da Capo Berta a Cervo».

«Realizziamo un sogno – ha chiosato il sindaco di Diano Marina  Giacomo Chiappori – Andiamo a cercare il turismo congressuale, con una struttura che mancava e ora ci sarà, in una posizione strategica, come aveva dimostrato il Palavela. E’ una grande opera, per la quale ringraziamo la Regione Liguria che finanzia quasi interamente l’operazione».

«Regione Liguria ha puntato con grande convinzione sul ponente ligure con il fondo strategico 2019 – ha spiegato Marco Scajola, assessore Regionale (Urbanistica, Pianificazione territoriale, Demanio e Tutela del Paesaggio) – mettendo a disposizion» dell’imperiese circa 12 milioni di euro. Diano Marina, a cui abbiamo riservato una quota importante pari a 2,4 milioni di euro, sta lavorando con grande impegno alla riqualificazione del sedime ferroviario dismesso nel 2016; questi interventi cambieranno profondamente il volto della città. Il mio assessorato da almeno due anni sostiene attivamente la progettazione e realizzazione di un unico percorso ciclabile e pedonale protetto nel ponente ligure, mantenendo un confronto continuo e costruttivo con gli enti proprietari delle aree e tutti i comuni interessati e finanziando, come è avvenuto anche per San Lorenzo al Mare e Vallecrosia, tratti strategici e di grande bellezza. La realizzazione dell’Edificio Polivalente al Molo delle Tartarughe potrà inoltre rappresentare una grande opportunità per gli abitanti del comprensorio e i turisti, in un momento in cui bisogna trovare idee e risorse per realizzare le infrastrutture che diano lo slancio definitivo ad un turismo sostenibile e di qualità».

«Siamo stati bravi a progettare – ha spiegato Cristiano Za Garibaldi, vice Sindaco di Diano Marina – e ad essere pronti con progetti finanziabili. L’intervento sugli ex sedimi è una grande opportunità per reimmaginare, riqualificare, ricucire la città. Saniamo una ferita. Rivolgiamo un grande ringraziamento alla Regione per la sensibilità».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.