Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, mille studenti al Casinò per la quinta edizione del Festival della legalità e delle Idee

Sono stati affrontati tanti temi come l’importanza di creare una vera cultura della legalità e la distanza tra vendetta e giustizia

Sanremo. Mille studenti coinvolti, quattrocento esponenti della società civile, l’intervento dei vertici istituzionali della Provincia di Imperia, tre giorni di confronto: un bilancio importante per la quinta edizione del Festival della Legalità e delle Idee.

Hanno partecipato in rappresentanza delle istituzioni: il prefetto Silvana Tizzano, il presidente del Tribunale Edoardo Bracco, il procuratore Alberto Lari, il procuratore aggiunto Grazia Pradella. Sono intervenuti Giovanni Impastato, Paolo Borrometi in collegamento skype, Umberto Mondini, Jo Garuti, Alessandro Antiochia, Loredana Martinez, Fabio Balocco e Donatella Alfonso, Marcello Zinola, per l’Ordine dei Giornalisti della Liguria, Tiziano Riverso, Claudio Porchia, Christian G. Valentina Di Donna, la cantautrice Lazero.

Intenso il testo presentato dalla compagnia Liber Theatrum: ”Italiani brava gente”. Hanno affollato il teatro gli studenti degli Istituti Aicardi- Ruffini, Colombo, Cassini e del Circolo Saremo Ponente di Sanremo e Ospedaletti. Hanno portato il saluto istituzionale:il prefetto Silvanan Tizzano, il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, l’assessore regionale Gianni Berrino, l’assessore alla cultura Eugenio Nocita, il consigliere Olmo Romeo, presidente di Federgioco, il direttore generale del Casinò Giancarlo Prestinoni, il consigliere Giovanna Negro e Marcello Zinola.

L’importanza di creare una vera cultura della legalità, la distanza tra vendetta e giustizia, la nuova “malavita organizzata inserita nelle pieghe dello Stato di Diritto”, l’attualità delle figure di Peppino e di Felicia Impastato, di Saveria Antiochia, l’esperienza di vita e di giornalista di Paolo Borrometi, i misteri sulla morte dell’operaio –sindacalista Guido Rossa sono stati alcuni dei temi affrontati nelle giornate del Festival della Legalità.

Il tema di questa quinta edizione “Ci sono loro ma ci siamo anche noi” è una frase del procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri che ha permesso di cercare di declinare quali sono gli elementi di questa differenza tanto scontata e al tempo stesso tanto difficilmente riconducibile ad un’esatta area di comportamento. E’ possibile rivedere su Facebook
i lavori delle tre giornate. L’arrivederci è per la sesta edizione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.