Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo dice “no” alla violenza di genere: inaugurata la panchina rossa a Santa Tecla foto

Un segno visibile per stimolare la riflessione e abbattere il muro dell’indifferenza

Sanremo. Una panchina rossa per diffondere la cultura della parità. Anche Sanremo ha aderito al progetto di sensibilizzazione contro la violenza di genere lanciato dagli Stati Generale delle Donne che negli ultimi anni ha portato all’installazione di panchine rosse in tutta Italia. Un monito per denunciare la ferita umana e sociale del femminicidio, degli abusi e dei maltrattamenti sulle donne che arriva proprio in occasione della Festa della donna.

Panchina rossa Sanremo

Installata su iniziativa dello Zonta Club di Sanremo nei giardini di Santa Tecla, la panchina è stata inaugurata questo pomeriggio alla presenza del sindaco Alberto Biancheri, per l’occasione affiancato dalla sua squadra in rosa: il vicesindaco Costanza Pireri, gli assessori Barbara Biale e Paola Cagnacci e il consigliere Giovanna Negro. Non mancavano l’assessore alla Cultura Eugenio Nocita e i consiglieri Giuseppe Faraldi e Mario Robaldo.

Da oggi simbolo permanente nella comunità, segno visibile per stimolare la riflessione e abbattere il muro dell’indifferenza, la panchina rossa di Sanremo è un’autentica opera di design firmata Aldo Panetta e Alessandro Liotta dello Studiomeno1 di Bordighera. Come ha sottolineato la presidente dello Zonta Club Cinzia Papetti, «con questa panchina vogliamo trasmettere un segnale preciso: non bisogna mai e poi mai abbassare la guardia e, come recita il pastore presbiteriano Peter Marshall, “Un mondo differente non può essere costituito da persone indifferenti”».

Alle parole della Papetti hanno fatto eco quelle del sindaco Biancheri che ha colto l’occasione per «ringraziare tutte quelle donne che con tenacia e passione costituiscono una ricchezza per il nostro Paese, a partire dall’aspetto lavorativo a quello familiare. C’è ancora tanto da fare ma sicuramente Sanremo è dalla parte delle donne».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.