Quantcast

Imperia, discussione sugli “affari” dei consiglieri comunali a porte aperte. Montanaro si salva

Il parere del segretario comunale Rosa Puglia grazia la poltrona dell'elettricista del porto

Imperia.  Il consigliere di maggioranza Giovanni Montanaro ha chiesto attraverso una mozione d’ordine votata in maniera unanime che la discussione relativa a consiglieri comunali e appalti avvenga a porte aperte. «Per trasparenza e lealtà verso chi mi ha votato», ha detto Montanaro.

Il presidente del parlamentino Pino Camiolo aveva già pronunciato il “fuori tutti”, quando è arrivato il colpo di scena.

La capogruppo del Movimento 5 Stelle Maria Nella Ponte ha illustrato la pratica. Guido Abbo (Imperia al centro) ha invitato Montanaro a fare «autocritica»

Il sindaco Claudio Scajola: «Ritengo Montanaro una persona degna, di valore corretta, onesta, un gran lavoratore, ha faticato tutta la sua vita, ha contribuito alla costruzione del porto e ci ha pure rimesso. Mi fa venire in mente il periodo di Mao Tse Tung. Io non ho questa visione.  Mi sono consultato con il vicesindaco Giuseppe Fossati, con avvocati, con  il ministero dell’interno e col segretario comunale Rosa Puglia che ha protocollato  un suo parere. Lo stesso Montanaro mi ha detto, io mi faccio da parte devo dare da mangiare ai miei figli, pur dispiacendomi me ne vado».

Il sindaco ha poi letto il parere della Puglia secondo il quale Giovanni Montanaro non ricade nella fattispecie di incompatibilità.