Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, bitcoin in cambio di oro. Polizia postale scopre frode da centinaia di migliaia di euro

Denunciato un giovane genovese esperto di informatica. Colto con le mani nel sacco in un lussuoso albergo di Sanremo

Imperia. Oro, bitcoin e darkweb. Sono gli ingredienti di una frode informatica altamente sofisticata da centinaia di migliaia di euro scoperta dalla polizia postale e delle comunicazioni di Imperia nel corso di un’operazione che ha portato alla denuncia di un esperto di informatica e abile truffatore e abile truffatore genovese, che irretiva le sue vittime sfruttando canali di comunicazione cifrati e false identità reperite nelle pieghe più nascoste della ‘rete oscura’.

Il giovane, indagato dalla Postale, prometteva facili investimenti in “bitcoin”, in cambio di oro e valori. Si spacciava per operatore di mercato di alcune famose società estere, realmente esistenti ed attive nel settore del commercio delle “cripto currencies”, proponendo affari d’oro per l’acquisto della moneta virtuale “bitcoin”.
 Ed erano davvero “affari d’oro”, perché l’uomo convinceva le vittime a consegnare il prezioso metallo (insieme ad altri valori, anche denaro contante), che si faceva spedire o consegnare a mano, promettendo di raddoppiare o triplicare l’investimento, per poi rendersi irreperibile.

Mago del trasformismo, frequentatore e conoscitore del “deep web” all’interno del quale era in contatto con abilissimi falsari, dai quali si riforniva di documenti che faceva intestare anche a conoscenti reputati “antipatici”, il personaggio utilizzava Telegram, nota piattaforma di messaggistica online famosa per criptare e rendere non intercettabili tutte le comunicazioni, allo scopo di contattare e far cadere nella trappola dei guadagni facili le sue ignare vittime.

Fino a quando una società svizzera, realmente operante nel campo degli investimenti in cripto valute, alla quale il truffatore si era sostituito per ingannare le sue vittime, decide di denunciare tutto alla Procura della Repubblica del capoluogo, la quale passa le indagini i cyber-specialisti della Polizia Postale.

Alla fine, dopo una lunga e complessa attività di cyber-pedinamenti, intercettazioni, analisi informatica e ricostruzione delle tracce lasciate dal truffatore, gli uomini della Postale hanno individuato l’autore del raggiro, colto con le mani nel sacco a Sanremo, ove aveva preso alloggio in un hotel di lusso, mentre sotto mentite spoglie stava ritirando un plico di una delle sue ultime vittime, contenente oro, all’interno di un ufficio postale.

L’ulteriore attività di ricerca e conservazione delle fonti di prova, ha consentito agli investigatori  di sequestrare copioso materiale informatico e numerosi documenti falsi, utilizzato dall’uomo per assumere identità diverse con ogni vittima agganciata.

È stata accertata al momento una frode per circa 58 bitcoin, che al valore attuale si aggirano sui 200 mila euro e due chilogrammi di oro, circa 70 mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.