Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bordighera, una serata dedicata alle emozioni sensoriali per il Lions Club

La sezione di Imperia dell’Unione Ciechi coordinata da Cesare Longordo ha accompagnato e guidato gli ospiti nel locale completamente oscurato

Bordighera. Organizzata per la prima volta dal Lions Club Bordighera Otto Luoghi, presieduto da Mimma Espugnato, si è svolta al Geppy’s Bistrot nella città di Ventimiglia una serata dedicata alle emozioni sensoriali vivendo una cena letteralmente al buio.

La sezione di Imperia dell’Unione Ciechi coordinata dal signor Cesare Longordo con i collaboratori Fabrizio e Patrizia ci hanno accompagnato e guidato nel locale completamente oscurato dove, senza conoscere le pietanze servite, abbiamo, attraverso udito, gusto, tatto e olfatto, degustato il cibo in modo “diverso”. Abituati ad un’esposizione alle immagini molto accentuata, tipica del nostro tempo, dove l’atto di vedere è parte della nostra quotidianità, trovarsi in compagnia di altri commensali in una situazione così inusuale e differente ci ha fatto riflettere su cosa significhi, in parte, vivere al buio.

La guida e i consigli di Longordo e i suoi collaboratori ci ha permesso di approcciare questo mondo affinando i sensi e avvicinandoci in parte alla vita quotidiana di un non vedente. In questa situazione dove il buio diventa totale per tutti, si ha l’occasione di scoprire nuove dimensioni e di approcciare gesti quotidiani in modo del tutto differente. Versare il vino con l’udito, portare la pietanza alla bocca con l’olfatto e il gusto, approfondire in questi istanti così diversi la conoscenza di noi stessi. Si scoprono profumi e sapori esaltati da una condizione diversa, capace di farci rallentare e vivere un attimo senza la frenesia del quotidiano dove l’atto di vedere si focalizza sulle immagini, meno sul “sentire” le cose.

Immaginare chi ci siede accanto, stare in compagnia di persone che non vedi, aiuta a socializzare in modo libero, molto più diretto, senza condizionamento. E mentre alla curiosità iniziale si sostituisce la sorpresa di sentir crescere le proprie percezioni sensoriali toccando, gustando, ascoltando, si riflette su come debba essere vivere sempre questo tipo di relazione, di percezione e comunicazione che insieme creano una gerarchia di valori che ci stimola ad ascoltare noi stessi e gli altri. Per tutto questo ringraziamo il ristoratore Dario Trucchi che con la sua generosità ha permesso la realizzazione di questo service devoluto interamente all’Unione Ciechi di Imperia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.