Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Banca Carige, al via il processo: alla sbarra anche gli imperiesi Alessandro Scajola e Ivo De Michelis

Somma dei danni stimata sui 40 milioni di euro. Molti i risparmiatori della provincia tutelati dal Codacons

Genova. Inizia stamattina nella Capitale il dibattimento per il caso Carige: sono quasi 600 i piccoli azionisti e risparmiatori (tra loro molti imperiesi che hanno aderito dopo la partecipata assemblea che si è tenuta nell’Auditorium del Museo dell’Olivo ) che si costituiranno parte civile contro la banca e i suoi ex manager.

La maggioranza è tutelata dal Codacons,  rappresentato dall’avvocato Bruno Barbieri di Bologna. La somma dei danni ammonterebbe a 40 milioni di euro.

L’imputato  principale è l’ex numero uno dell’istituto Giovanni Berneschi insieme ad altre nove persone.  Anche Banca Carige è chiamata in causa per la responsabilità amministrativa.

Oltre a Berneschi alla sbarra ci sono  l’ex vicepresidente Alessandro Scajola,  l’ex direttore generale Ennio La Monica, l’ex condirettore generale Daria Bagnasco, gli ex consiglieri Luca Bonsignore Remo Checconi, Mario Venturino, Ivo Demichelis, Paolo Odone  e Maurizio Marchiori

Le accuse vanno da aggiottaggio e ostacolo all’Autorità di vigilanza.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.