Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, “Musica contro le mafie”: la polizia di Stato premia Gero

Ha scritto un brano dedicato al giudice Paolo Borsellino immedesimandosi in Fiammetta Borsellino

Sanremo. Ieri al Palafiori si è tenuta la premiazione di “Musica contro le Mafie”, una associazione della rete di Libera (associazioni, nomi e numeri contro le mafie) che da anni, attraverso la musica e i musicisti, porta avanti un impegno non solo “contro” le mafie, la corruzione, i fenomeni di criminalità e chi li alimenta, ma profondamente “per”; per la giustizia sociale, per la ricerca di verità, per la tutela dei diritti, per una politica trasparente, per una legalità democratica fondata sull’uguaglianza, per una memoria viva e condivisa, per una cittadinanza attiva e responsabile.

A contendersi il premio 350 canzoni, selezionate e valutate dai giudici nella “Cinque giorni di Musica contro le mafie” a Cosenza, lo scorso dicembre.

Alla premiazione, nella cornice di Casa Sanremo, erano presenti anche polizia moderna, con il direttore Annalisa Bucchieri e il ortavoce della Questura di Imperia, Giuseppe Valentino.

Il premio è andato a Gero per la canzone “Svuoto il Bicchiere”, dedicata al giudice Paolo Borsellino e scritta immedesimandosi in Fiammetta Borsellino.

Un premio importante, che testimonia, ancora una volta, la vicinanza della polizia di Stato ai temi della legalità, del rispetto e della giustizia, in un contesto ove la parole assumono un significato davvero importante, mezzo di comunicazione che arriva diritto al cuore delle persone.

Emblematiche le parole incise sulla targa: “Gero ricorda con toni poetici e commossi e al contempo in maniera originale la strage di via D’Amelio e l’eccidio di Paolo Borsellino e dei poliziotti Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Fabio Li Muli, Emanuela Loi e Claudio Traina. Il suo brano Svuoto il bicchiere ha il merito di infondere speranza mantenendo viva la memoria di chi ha combattuto la mafia e sacrificato la propria vita in nome della legalità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.