Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, morto Carlo Cori. Stroncato da un infarto il “Vasco dell’Est” fotogallery

Oltre ad esibirsi live in palcoscenici di tutto il mondo, Carlo Cori ha partecipato a rally internazionali quali quelli di Montecarlo e l'isola d'Elba

Sanremo. Il rocker Carlo Cori è morto al pronto soccorso dell’ospedale Borea di Sanremo dove era giunto in gravissime condizioni. Il cantante, famosissimo nei Balcani e in Russia, tanto da essere soprannominato il “Vasco dell’Est”, è stato stroncato da un attacco cardiaco che lo ha colto mentre si trovava presso il teatro Federazione Operaia al civico 47 di via Corradi, dove avrebbe dovuto svolgersi un evento da lui organizzato: “Cantando Sanremo for the World”.

Secondo quanto dichiarato da alcuni testimoni, Cori ha pronunciato qualche parola, velocissimo, poi è uscito in strada per prendere una boccata d’aria e si è accasciato al suolo dove lo hanno raggiunto i militi della Croce Rossa di Sanremo e il personale sanitario del 118. A lungo gli è stato praticato il massaggio cardiaco. Il medico ha utilizzato il defibrillatore finché il cuore dell’artista non ha ricominciato a battere. Poi la corsa in ospedale, dove è spirato poco dopo.

“Voce sensuale, rocker on the road, colleziona Rolex, adora le Porsche, con le donne è in missione per dare amore, per lui la vita è “Spaghetti Sesso & Rock ‘roll” e per tutto ciò è invidiato da moltissimi … che personaggio!”, si legge sul sito ufficiale del cantante. E ancora: “Biondo, occhi azzurri, capelli lunghi color oro, faccia pulita, fisico prestante, paracadutista scelto, ma soprattutto voce roca, sensuale, rubacuori europeo e figlio d’arte (Ruggero Cori quartetto “Marino Marini”)”.

Oltre ad esibirsi live in palcoscenici di tutto il mondo, Carlo Cori ha partecipato a rally internazionali quali quelli di Montecarlo e l’isola d’Elba. Ha frequentato numerosi personaggi dello spettacolo, tra cui Mike Bongiorno, che gli consegnerà un Telegatto nel 1983 per l’album “Innamorati” e il team di Phil Collins.

La notizia della sua morte, proprio nella serata che lo avrebbe visto registrare il suo spettacolo e assegnare numerosi premi alla carriera, è ben presto rimbalzata tra i numerosi fans e conoscenti dell’artista.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.