Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, in arrivo dalla Regione 2 milioni e mezzo per il recupero del molo lungo di Oneglia

Scajola: "Un apprezzamento al presidente della Regione Toti per il mantenimento degli impegni presi"

Possiamo dirci soddisfatti. Un apprezzamento va al presidente della Regione Liguria per il mantenimento degli impegni presi. A Imperia è stato destinato un terzo delle risorse previste su base regionale. È un tema sul quale abbiamo lavorato sin da subito col massimo impegno, tanto da presentare, già poche ore dopo gli avvenimenti, un resoconto fotografico dei danni, la loro stima e il costo degli interventi necessari. Adesso bisognerà dimostrare altrettanta efficienza nel procedere con i lavori necessari a garantire la sicurezza del molo lungo e di tutto l’abitato costiero di Oneglia. In questo senso, ho già convocato una riunione operativa per venerdì, che servirà a tracciare la strada verso il progetto esecutivo e quindi per avviare i lavori“.

Il sindaco Claudio Scajola commenta così  la decisione della giunta regionale di destinare a Imperia 2 milioni e 470 mila euro per danni alluvionali della fine dell’ottobre scorso e in particolare per molo lungo di Oneglia.

Sono stati ripartiti, infatti,  oggi, con decreto del commissario per l’emergenza e presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, gli 8 milioni di euro stanziati nella Legge di Stabilità del Governo per le opere di difesa a mare che sono state gravemente danneggiate o divelte dalla violenta mareggiata che ha colpito la Liguria nell’ottobre scorso.

Sono trenta gli interventi previsti in tutta la Liguria e ritenuti prioritari per la difesa della costa ligure. Nella maggior parte dei casi si tratta di opere di ripristino, progettazione e potenziamento di dighe, moli e scogliere.

Due le opere più significative che verranno realizzate, a Santa Margherita e, appunto,  la diga di Oneglia a Imperia, per un valore complessivo di 5 milioni di euro, a cui si aggiungono altri trenta interventi più piccoli nel resto del territorio finanziati con i rimanenti 3 milioni di euro.

La scelta è stata fatta sulla base di una graduatoria della Protezione civile regionale ed è stata supportata da un accordo tra Governo e Regione Liguria che ha portato all’eliminazione delle accise sulla benzina a favore dei territori colpiti. Lo stesso importo che la Regione avrebbe ottenuto dalle accise e che il Governo ha “restituito” sotto forma di interventi per il territorio.

I fondi che abbiamo ottenuto – dichiara il presidente di Regione Liguria e commissario per l’emergenza Giovanni Toti – sono risorse importanti per la difesa delle nostre coste che rappresentano un tassello fondamentale per il nostro territorio. Siamo consci che questi finanziamenti coprono solo una parte delle necessità ma quando arriveranno gli altri fondi li ripartiremo senza lasciare indietro nessuno”.

Gli 8 milioni ripartiti oggi si aggiungono a quelli già stanziati dalla Protezione civile nazionale (6,5 milioni) per le somme urgenze e ai 1,5 milioni di risorse stanziate da Regione Liguria per Portofino.

Si tratta di un segnale importante – continua l’assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedroneche arriva a pochi mesi dall’evento e risponde alle richieste dei territori che chiedevano interventi di difesa delle coste, realizzati entro la primavera”.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.