Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Banca di Cherasco partecipa a “M’illumino di meno”

Le insegne delle filiali saranno spente per tutto il fine settimana

 Le insegne delle ventisette filiali di Banca di Cherasco, dalla provincia di Genova a quella di Torino, passando per Savona e Cuneo, saranno spente per un intero weekend dal 1° al 3 marzo.

Ormai da qualche anno, Banca di Cherasco aderisce a “M’illumino di meno”, iniziativa simbolica e concreta, lanciata nel 2005 dal programma Caterpillar di Rai Radio 2 che ha chiesto agli ascoltatori di spegnere le luci non indispensabili. Per contribuire con un piccolo gesto all’iniziativa, la BCC di Cherasco spegnerà le luci delle sue filiali.

M’illumino di Meno 2019 si terrà il 1° marzo e sarà dedicata all’economia circolare, chiedendo a tutti di porre più attenzione nel riutilizzare i materiali, ridurre gli sprechi, allontanare “il fine vita” delle cose.

“Il tema proposto quest’anno da questa interessante iniziativa è l’economia circolare, un concetto importante per le Banche di Credito Cooperativo che raccolgono i risparmi del territorio e lo reinvestono in quello stesso territorio” – ha dichiarato Pier Paolo Ravera, direttore generale di Banca di Cherasco. “Spegnendo le insegne delle nostre filiali vogliamo contribuire anche noi alle tante attività che enti, associazioni e amministrazioni promuovono durante la Giornata del risparmio energetico”.

Le BCC hanno dedicato alle famiglie “il decalogo della famiglia circolare”:

RI-DUCO GLI SPRECHI: acquistare alimenti sfusi e detersivi o saponi “alla spina” oppure in eco-ricarica. L’obiettivo è minimizzare l’impatto del packaging e quindi produrre meno rifiuti.
RI-METTO IN TAVOLA: la dicitura “da consumare preferibilmente entro” si riferisce solo al mantenimento delle caratteristiche definite come standard dal produttore ma si possono consumare i cibi in tutta sicurezza anche dopo.
RI-FIUTO LA PLASTICA: non uso piatti, posate e bicchieri usa e getta. Non uso le cannucce. La plastica è il terzo materiale più diffuso sulla terra ma meno di un terzo dei rifiuti plastici viene riciclato.
RI-ACCHIAPPO I RIFIUTI: faccio “plogging”, corro e raccolgo i rifiuti dai parchi e dalle strade della mia città. È il nuovo metodo svedese per restare in forma e aiutare l’ambiente.
RI-CICLO CREATIVO: Parola d’ordine: creatività! Internet è piena di idee per dare nuova vita praticamente a tutto: pneumatici che diventano fioriere, caffettiere che diventa lampade. Il divertimento è assicurato.
RI-PORTO il vecchio cellulare in negozio. Dal 2016 i negozi con superficie superiore ai 400 mq sono obbligati a ritirare i Raee di piccole dimensioni anche in assenza di un nuovo acquisto.
RI-CHIEDO LA DOGGY BAG: al ristorante chiedo sempre la doggy bag per portare a casa il cibo avanzato. Lo scaldo e lo posso mangiare a cena o in ufficio il lunedì.
RI-SPENGO LE LUCI, è la giornata del risparmio energetico!
RI-COMPRO ENERGIA VERDE con BCC Energia. Nel 2018 le BCC, con le società consorziate e le aziende clienti, hanno utilizzato 115.626.422 kWh di energia verde.
RI-SCELGO BCC, la banca dell’economia geo-circolare. Per ogni 100 euro di risparmio raccolto nel territorio, le BCC ne impiegano in media 85. Il 95%, ossia 81 euro, diventano credito all’economia reale di quel territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.