Il sondaggio

69° Festival di Sanremo, torneranno i più giovani ad amare la kermesse canora?

I commenti di alcuni ragazzi

Sanremo. Il Festival della Canzone Italiana, la kermesse canora più famosa del Belpaese (e non solo), con ascolti pari a decine di milioni di telespettatori, negli ultimi anni però ha registrato un calo degli spettatori televisivi, per quanto riguarda la fascia più giovane.

Abbiamo così intervistato alcuni di loro chiedendogli se guarderanno la competizione. “Guarderò il Festival di Sanremo perché amo la musica italiana e amo il Festival. Apprezzo molto Claudio Baglioni e trovo che la sua presenza in questi due anni abbia portato decisamente delle migliorie a livello qualitativo” – dice il primo, giovane intervistato.

Quest’anno credo proprio di sì perché mi ispira tantissimo il trio di conduttori che presenterà quest’anno, in particolare Virginia Raffaele e Claudio Bisio” – dice una ragazza ai nostri microfoni. “No, assolutamente, perché non mi interessa, non è il mio genere di musica” – dichiara invece un altro giovane.

Dai commenti dei giovani intervistati, è risultato che su un totale di 20 ragazzi, 8 lo guarderanno, 11 non hanno interesse nel farlo ed 1 non sa decidersi. Mentre fra le 20 ragazze a cui abbiamo sottoposto il questionario, 13 sono convinte di seguire il programma, 3 non lo faranno e 4 sono incerte. Perciò è risultato che, grazie ai nuovi volti presenti nell’edizione di quest’anno, i comici Virginia Raffaele e Claudio Bisio, che presenteranno le serate della kermesse, e al genere di musica proposto dal direttore artistico Claudio Baglioni, il Festival verrà forse seguito maggiormente dalla fascia dei più giovani. Non resta che attendere le statistiche post-Festival per constatare se le nostre previsioni erano veritiere o no.

(Articolo scritto dal team di R24Young. Hanno collaborato Azzurra Rachelli, Simone Altobelli e Marco Biancheri dell’Istituto C. Amoretti – Sanremo)

 

leggi anche
Anna Ferzetti e Simone Montedoro
Festival
Con l’inizio di #Sanremo2019 tornano il “Primafestival” e il “Dopofestival”
commenta