Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Torna la neve in Liguria, risparmiata la provincia di Imperia

La perturbazione porta aria fredda. Nella notte i termometri sono scesi nell’imperiese: -7.3 a Colle di Nava

Più informazioni su

Imperia. A una settimana esatta dal precedente evento, la Liguria sta per essere interessata da una nuova perturbazione a carattere freddo che riporterà la neve su parte del territorio regionale.

Ecco, dunque, che Arpal ha emanato l’allerta per neve su alcune zone:

- gialla dalle 21 di martedì 29 gennaio, su interno B, D ed E

- gialla dalle 00.00 di mercoledì 30 gennaio, su costa B, interno C

– arancione dalle 6 di mercoledì 30 gennaio, su E

L’allerta cesserà alle 15 di mercoledì 30 gennaio, su B, D, E; alle 18 su interno C.

È in arrivo, dunque, una nuova perturbazione che, con il suo carico di aria fredda, andrà a interessare gran parte della Liguria a partire dalla serata di oggi. I primi a essere coinvolti saranno i versanti padani con precipitazioni nevose che, dalle prime ore della notte, potranno coinvolgere anche le zone costiere della parte centrale della regione.

In costa, tuttavia, le precipitazioni dovrebbero cominciare sotto forma di pioggia, e molto dipenderà dal calo termico associato allo sviluppo dei rovesci, collegati al possibile afflusso di aria fredda in arrivo dalla Pianura Padana.

Dalla parte centrale della giornata, temporaneo miglioramento a partire da ponente, in estensione alla parte centrale della regione, con residue precipitazioni pomeridiane, anche nevose, sull’interno di C.

Nella notte i termometri sono scesi abbondantemente sotto lo zero nelle zone interne con l’entroterra savonese che ha fatto registrare i valori più bassi: il record (anche per quanto riguarda le minime da inizio 2019) spetta a Sassello che ha toccato -10.9, seguita da Calizzano con -9.2, Ferrania con -8.7. In provincia di Genova Loco Carchelli ha segnato -8.7, nell’imperiese Colle di Nava -7.3, nello spezzino Padivarma -5.2. Altre stazioni nelle zone interne climatologicamente significative: Triora (Imperia) -2.7, Busalla (Genova) -2.2, Varese Ligure (La Spezia) -2.5. Lungo la costa i capoluoghi di provincia hanno segnato minime comprese tra i 3.1 di La Spezia e i 5.5 di Genova Centro Funzionale (nel capoluogo regionale -1.3 a Monte Pennello, 0.0 a Pontedecimo).

Ecco, dunque, i fenomeni previsti per oggi e i prossimi due giorni e riassunti nell’avviso meteorologico che ha portato all’emanazione dell’allerta:

Martedì 29 gennaio: Una perturbazione atlantica determina un peggioramento a partire dalla serata odierna con possibili deboli precipitazioni, nevose su DE a tutte le quote, oltre i 200-300 m su interno di B.

Mercoledì 30 gennaio: A partire dalle prime ore della notte, un peggioramento con precipitazioni da sparse a diffuse. Deboli nevicate su interno di C oltre i 300-400 m, su DE a tutte le quote con cumulate fino a moderate, oltre i 200-300 m su AB. Possibili spolverate nevose su coste di B; non si escludono locali sconfinamenti lungo le aree costiere di AC. Possibili rovesci nevosi. Venti forti settentrionali su ABC e sui rilievi di DE con possibili raffiche fino a burrasca (60-70 km/h) in attenuazione dalla sera. Moderato disagio per freddo.

Giovedì 31 gennaio: Dopo una breve pausa, dalla tarda mattinata nuovo peggioramento con piogge diffuse, con cumulate localmente significative su BCE. Dal pomeriggio deboli nevicate su DE. Venti forti settentrionali su ABD anche rafficati (60-70 km/h), dai quadranti meridionali su CE. Mare molto mosso, localmente agitato in serata su C per onda da sud.

La sala operativa regionale resterà aperta per tutta la durata dell’allerta. In caso di eventi intensi, durante l’allerta sarà pubblicato il monitoraggio sul www.allertaliguria.gov.it, inviato anche tramite twitter (segui @ARPAL_rischiome). Sulla pagina www.facebook.com\ArpaLiguria post con immagini, grafici e dati.

Si ricorda la suddivisione complessiva in zone del territorio regionale:

A: Lungo la costa da Ventimiglia fino a Noli, l’intera provincia di Imperia, la valle del Centa

B: Lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno

C: Lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Valfontanabuona e Valle Sturla

D: Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida

E: Valle Scrivia, Val d’Aveto e Val Trebbia.

CARTINA 29_01_2019

Nelle immagini la cartina con le zone e i rispettivi livelli di allertamento (indicato il massimo per ogni zona), la scansione oraria e lo scatto del satellite sul bacino del Mediterraneo delle 11.15.

ORARIA 29_01_2019

satellite 1115

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.