Quantcast

Sanremo, corsi linguistici all’estero per gli studenti del “Ruffini-Aicardi” foto

Una settimana di studio-lavoro a Malta per un gruppo del triennio, ma anche altre esperienze formative con eventi legati al prossimo Festival della Canzone Italiana

Sanremo. Anche quest’ anno l’Iis “Ruffini-Aicardi” ha organizzato il soggiorno linguistico a Malta per gli alunni degli indirizzi Alberghiero, Turistico e Sociosanitario.

Riferisce la prof.ssa Tiziana Vetani, responsabile del progetto “Malta for English” per il plesso di corso Cavallotti a Sanremo: “Siamo piacevolmente sorpresi dell’elevato numero della adesioni, a conferma dell’apprezzamento di studenti e famiglie per il potenziamento delle competenze linguistiche.

Il gruppo degli alunni dell’istituto turistico e professionale sociosanitario partirà in febbraio per Malta, e da parte della scuola c’è tutto un impegno a livello organizzativo per garantire il successo dell’iniziativa. Malta ospita importanti scuole di formazione linguistica per studenti; la giornata-tipo prevede la frequenza di un corso di inglese al mattino con docenti madrelingua e attività di Alternanza Scuola/ Lavoro e escursioni sul territorio nel pomeriggio.

Mentre il corso linguistico sarà comune per tutti gli studenti, le attività pomeridiane saranno differenziate in base agli indirizzi di studio: gli studenti del turistico saranno impegnati in lavori d’ufficio in agenzie di viaggio e attività di promozione turistica; gli alunni del sociosanitario, invece, in strutture per l’infanzia e animazione sociale.

L’obiettivo di questa iniziativa è il potenziamento delle competenze linguistiche dal punto di vista della comunicazione e uso di terminologia specifica, per arricchire il profilo professionale dei diplomati del nostro istituto”.

Il mese di febbraio, però, prevede anche altre attività sul territorio e numerosi alunni saranno coinvolti negli eventi collegati al 69°Festival della Canzone Italiana. Spiega il prof. Alberto Cavallucci, referente per l’Alternanza Scuola-Lavoro: “Come ogni anno collaboriamo con gli eventi dell’Ariston e del Palafiori, con una novità: un gruppo di ragazzi sarà impegnato anche in sala-stampa a tradurre interviste in lingue straniere, non solo in quelle che si studiano a scuola, ma anche nella madrelingua di alcuni nostri alunni originari di altri Paesi, per sviluppare un modello di scuola sempre più inclusiva”.