Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Raccolta dei rifiuti, la preoccupazione di Imperia al Centro sul porta a porta

"Chiediamo all'amministrazione: quanti, dei 23000 utenti, hanno ritirato i mastelli che saranno necessari dal 1 febbraio?"

Imperia. “Fra pochi giorni, il prossimo 1 febbraio, a Imperia scatterà la rivoluzione del porta a porta nella raccolta dei rifiuti, ma la città pare non essersene ancora accorta” - fa sapere Imperia al Centro.

“Imperia al Centro ha una fortissima sensibilità ambientale, la raccolta porta a porta è un punto centrale del nostro programma, ma esprimiamo forti preoccupazioni per le modalità con cui l’amministrazione la sta attuando. Il Sindaco ha deciso, in perfetta solitudine dopo aver perso l’assessore spacciato come super tecnico ma poi rivelatosi senza laurea, di abbandonare il percorso della società in house, che avrebbe garantito trasparenza e flessibilità nella gestione, ed ha affidato il passaggio (epocale!) al porta a porta a Teknoservice, senza bando e senza gara, con una ordinanza sindacale e un capitolato tirato giù in quattro e quattr’otto senza condivisione alcuna.

Non capivamo, e non capiamo ancora, il perché di tanta fretta: IaC ritiene che la raccolta rifiuti, e il passaggio al porta a porta, vadano affrontati soprattutto come un problema di cultura, e per ottenere un cambiamento culturale è necessario informare, educare e convincere i cittadini, con pazienza e fermezza, e soprattutto è necessario pianificare nel dettaglio le azioni che ognuno di loro dovrà compiere, e spiegarle compiutamente. Un tale processo richiede tempo, e aggiustamenti successivi, e non appare compatibile con i tempi dell’ordinanza, di 13 mesi di cui soltanto 8 di PaP (senza considerare i forti dubbi di legittimità, in quanto si tratta in effetti di un nuovo servizio, e non di una proroga, e sotto tale profilo invece i tempi sono troppo lunghi).

Inoltre il piano di formazione di Teknoservice appare sommario, pesantemente lacunoso, e in gravissimo ritardo: nella città di Imperia vivono 43mila persone, per circa 23mila utenze di raccolta rifiuti, e per ognuna di queste utenze è necessaria un’analisi specifica, sul campo, quartiere per quartiere, casa per casa, negozio per negozio, per spiegare ai cittadini come e dove posizionare i contenitori dei rifiuti, quando verranno rimossi i bidoni. E’ stato fatto qualcosa di tutto ciò? Dalle limitatissime notizie di stampa non pare proprio… qualche incontro con gli amministratori di condominio, a cui è stato semplicemente passato il cerino per quanto riguarda la formazione dei loro condomini, e nulla più.

Chiediamo pertanto all’amministrazione: quanti, dei 23000 utenti, hanno ritirato i mastelli che saranno necessari dal 1 febbraio? Quanti di loro sanno esattamente dove posizionarli, lungo le strade e sui marciapiedi della città? Sono stati effettuati incontri con i commercianti, o almeno con i rappresentati della categorie produttive? Nel piano di formazione di Teknoservice erano previsti 4 incontri con la cittadinanza; premesso che sono insufficienti in modo ridicolo (per raggiungere tutti, dovrebbero essere presenti 6000 persone per ogni incontro…), quando si prevede di effettuarli? Se davvero l’amministrazione pensa, con una tale improvvisazione, di rimuovere tutti i cassonetti in città dal 1 febbraio, temiamo che si creeranno disagi e confusione totale; il rischio di un porta a porta così improvvisato e confuso è che i cittadini lo percepiscano come una grossa scocciatura, anziché come il modo migliore per prenderci cura, tutti insieme, del nostro ambiente.

Non sappiamo se auspicare o temere una proroga dell’avvio del servizio: pur essendo favorevolissimi, come Imperia al Centro, al PaP, temiamo che partire in questo modo possa portare più danni che benefici; d’altronde, se Teknoservice andrà via al 30 settembre, come si può pensare di farle avviare un servizio così delicato in 3 o 4 mesi? A meno che non si pensi già ad ulteriori proroghe dell’ordinanza… ma questo è un altro capitolo!” – dichiara Imperia al Centro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.