Quantcast

“Progetto 110”, il Ventimiglia insegna il calcio a scuola

Le lezioni saranno riservate agli alunni delle elementari di Nervia, Latte e Roverino

Ventimiglia. Si chiama “Progetto 110” ed è un’iniziativa del Ventimiglia Calcio per avvicinare i bambini di 6-10 anni allo sport del calcio.

Le lezioni, che cadono a 110 anni dalla fondazione del club granata, decollano la prossima settimana: saranno riservate agli alunni delle elementari di Nervia, Latte e Roverino (un corso analogo è in programma anche per le medie).

Il progetto ha avuto l’okay del direttore sportivo del Ventimiglia, Veneziano, e del direttore tecnico, Vitetta. Vi hanno aderito, con entusiasmo, tutti gli allenatori della società, ai quali spetterà il compito di spiegare ai bambini le prime nozioni del calcio. Il tutto a costo zero per le scuole e per i baby-calciatori.

Ideatore e responsabile del progetto è il tecnico granata Gianfranco Massullo: «Il gioco del calcio è uno sport formativo ed in età scolare concorre all’ottenimento di un armonico sviluppo motorio. Serve per plasmare il carattere, per rapportarsi con i coetanei, per imparare ad accettare le sconfitte. Ma è importante anche per lo sviluppo delle ossa, del sistema circolatorio e del sistema nervoso».

Il corso prenderà il via lunedì 21 gennaio a Roverino; Latte e Nervia cominceranno invece martedì. Il progetto prevede che i vari “mister” si rechino a turno nelle tre scuole ventimigliesi.