Partito democratico, sabato 19 scatta l’ora del Congresso

Si vota anche per la segreteria cittadina. Dirigenti schierati in maggioranza per Martina. De Bonis e Giordano pro Zingaretti

Imperia. Partito democratico a congresso nel capoluogo sabato prossimo, 19 gennaio.

Nel pomeriggio nella sede della Federazione di via San Giovanni a Oneglia si sfideranno le mozioni del segretario uscente Maurizio Martina presentata dall’ex consigliere regionale Giancarlo Manti e quella di Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio sostenuta dall’ex segretario cittadino Antonio De Bonis.

Contemporaneamente gli iscritti della sezione imperiese saranno chiamati a scegliere il successore di De Bonis alla segreteria cittadina. Sulla carta i pretendenti sono l’ex consigliere comunale Oliviero Olivieri, il sindaco di Lucinasco e consigliere provinciale Domenico Abbo e il giovane Massimiliano Cammarata.

Non è escluso che in settimana si giunga a un accordo tra le diverse posizioni con un  candidato unitario che avrà il compito di superare la crisi di risultati patita alle scorse politiche e soprattutto alle comunali di giugno che hanno ridotto a soli due rappresentanti la pattuglia”dem” nel parlamentino cittadino. Ma non è nemmeno da scartare l’ipotesi che alla fine si trovi una convergenza su un quarto aspirante.

Si scelgono i tre candidati  che si sfideranno alle Primarie nazionali del 3 marzo. A Imperia, però, delle sei candidature, oltre a Martina e Zingaretti, gli altri sono Francesco BocciaRoberto Giachetti, Dario Corallo e Maria Saladino, hanno ricevuto adesioni solo le prime due. Su Maurizio Martina confluiranno i voti dei renziani orfani dell’ex ministro dell’Interno Marco Minniti che si è ritirato dalla contesa.

I maggiorenti del partito a livello locale, a cominciare dal segretario provinciale Pietro Mannoni e dal consigliere regionale Giovanni Barbagallo appoggiano Martina. Per Zingaretti oltre a De Bonis  si è schierato anche l’ex capogruppo in Provincia Riccardo Giordano, presidente di Riviera Trasporti.