Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il “punteruolo nero” infesta la Costa Azzurra, nel ponente ligure è una presenza sporadica

Claudio Littardi : "E' concentrato specialmente nella zona di Bordighera"

Nizza. Dopo il punteruolo rosso in Costa Azzurra sembra si sia radicato anche il punteruolo nero, specialmente nel locale giardino botanico. Il coleottero, originario del Messico, alp osto delle palme, si nutre di alcuni tipi di cactus: piante grasse monocotiledoni, in particolare le agavi, le yucca e le cordilinee.

E’ lungo dagli 1 ai 2 centimetri e , secondo quanto riporta Nice Matin, gli adulti trapano le radici e le foglie più basse. Le larve creano gallerie nella pianta in cui si nutrono. Questo provoca lo sviluppo di funghi e batteri. I tessuti vegetali diventano necrotici e marciscono.

Il suo nome scientifico è Scyphophorus acupunctatus e nel ponente ligure ha fatto capolino per la prima volta nell’autunno del 2016, ma a differenza del punteruolo rosso è piu’ difficile da individuare, perche’ le agavi spesso si trovano nelle scarpate o lungo le ferrovie.

“Qui da noi la sua presenza è sporadica spiega il botanico Claudio Littardiconcentrata specialmente nella zona di Bordighera. In italia la regione più colpita è la Sicilia, dove sono gia 4 o 5 anni che l’insetto si è stabilito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.