Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I consiglieri di Pieve Bene Comune: “Il Sindaco impedisce alla minoranza di eleggere il proprio rappresentante nell’Unione”

"Che cosa c’è da nascondere e difendere?"

Pieve di Teco. I consiglieri di “Pieve Bene Comune” Renzo Brunengo, Franco Roggero e Camilla Molinari denunciano ciò che è accaduto nell’ultimo consiglio comunale:

“Ai singoli Consigli comunali spetta eleggere i propri rappresentanti nel Consiglio dell’Unione dei Comuni. A Pieve questo è impedito. Nell’ultimo consiglio, appositamente convocato, addirittura, il Sindaco con il consigliere Water Ferrari hanno fatto votare di non votare. Si, proprio così, “votiamo di non votare”, impedendo, con l’arroganza, alla minoranza di eleggere il proprio rappresentante, come invece prescrive chiaramente la Legge. (art. 32 del TUEL comma 3). Che cosa c’è da nascondere e difendere?

I consiglieri di maggioranza hanno una grossa responsabilità per quanto accaduto, perchè hanno sancito che non intendono rispettare la Legge. Questo grave fatto lo denunciamo pubblicamente.
Il segretario comunale dottor Angeloni, peraltro segretario anche dell’Unione, pensiamo che non possa tacere ma crediamo debba espressamente evidenziare la non conformità di quanto avvenuto in Consiglio comunale ed ancor più lo debba fare nel Consiglio dell’Unione.

Affermano i consiglieri – Un comportamento che ha dell’inverosimile, di cui è ostaggio la stessa Unione dal 2014. Proprio per questo dovrebbe essere interesse di tutti uscire da questo vicolo cieco. Basta leggere gli atti dei Comuni, con le molte censure di molti consiglieri di maggioranza e di minoranza, per rendersi conto che è stata strutturata male. Con uno Statuto che, non rende giustizia e dignità a coloro che vi partecipano e che di certo non invoglia a cooperare. Una Unione che va riformata alla radice.

Concludono dicendo – Vogliamo essere presenti, come parte attiva e pungolo, in questo processo. Non si è ancora fatto nulla nell’interesse dei cittadini e paghiamo delle vere penali per le inadempienze, come avviene per la raccolta della spazzatura. La responsabilità di tutto questo ricade principalmente sul Comune più grande della Valle, il cui Sindaco è anche presidente dell’Unione. Noi ci batteremo per cambiare questo stato di cose, speriamo con l’aiuto ed il sostegno degli altri Sindaci e Comuni della Valle”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.