Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Accesso ad azienda agricola impedito, il titolare: “Animali in pericolo di vita” foto

L'unica strada è sbarrata per motivi di sicurezza. Il sindaco Alessandri: “Responsabilità di chi gestisce il cantiere”.

Pieve di Teco. “A causa dei lavori sulla Statale 28 da parte della ditta incaricata dall’Anas si ordina il divieto di passaggio sia pedonale che veicolare ai proprietari dell’azienda agricola sulla via Sant’Anna Teco fino ad una verifica di stabilità da parte di personale qualificato”.

cantiere statale 28 pieve di teco

È questo il tenore dell’ordinanza dei vigili del fuoco che per motivi di sicurezza e incolumità pubblica hanno imposto il divieto di passaggio di mezzi e anche di persone a piedi in coincidenza con l’infinito cantiere (dura da 4 anni) all’uscita della galleria di Pieve di Teco in coincidenza del semaforo causa di infinite code.

L’ordinanza è datata 22 gennaio scorso: il problema denunciato dal titolare dell’agricola “Bianca dei Bianchi”, Francesco Bianchi è che essendo stato “evacuato” anche il custode della tenuta molti animali da cortile (una sessantina di oche) e da pascolo (pecore) e maiali, compresi dei cani sono praticamente abbandonati a se stessi.  “Per portare loro da mangiare – sottolinea Francesco Bianchi –  occorre, infatti, passare dall’alto dalle Case di Teco dovendo attraversare un bosco e quindi ogni volta portarsi dietro sole piccole quantità“.

Abbiamo dovuto anche rinunciare a parte del raccolto di olive non avendole potute portare al frantoio”, aggiunge Bianchi.

Nella relazione dei vigili del fuoco si legge inoltre “il distacco di terra e pietrame avvenuto in due punti (del cantiere sottostante lungo la Statale ndr) uno dei quali di proporzioni consistenti, circa 8 metri quadrati, che si è staccato sotto la base del muro in pietra che sostiene la strada soprastante, Via S.Anna Teco, che porta all’azienda agricola ‘Bianca dei Bianchi’, dove il richiedente in una casa di sua proprietà ospita il guardiano è stato fatto evacuare in quanto la strada è stata chiusa al passaggio”.

Dice il sindaco di Pieve Alessandro Alessandri: “Speriamo che la terza ditta incaricata in 4 anni finisca al più presto i lavori perché sta creando innumerevoli problemi a Pieve, alla valle Arroscia e al turismo. Auspico che la vicenda del signor Bianchi si concluda al più presto. Per fortuna l’Anas negli ultimi tempi col nuovo referente ha cambiato atteggiamento e riteniamo che i lavori possano terminare entro la fine di febbraio. Il cantiere è responsabilità di chi ci lavora. In 4 anni a causa di una infinità di problemi sarà stato aperto 6/7 mesi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.