Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Sanremo la presentazione di “Volt”, il nuovo partito paneuropeo progressista fotogallery

Si è svolta oggi presso la sede della Confartigianato la prima MeetUp, presieduta dal sanremese Tommaso Ventimiglia insieme al coordinatore nazionale Mario Ferretti

Sanremo. Si è riunita oggi alla sede della Confartigianato la prima MeetUp di Volt, il nuovo partito paneuropeo progressista. La conferenza, presieduta dal coordinatore cittadino e del Ponente Ligure, Tommaso Ventimiglia e nazionale, Mario ferretti, ha visto la partecipazione di un gran numero di residenti di tutte le età.

Riviera24 - MeetUp Volt Europa a Sanremo

“Volt è un partito nato contro il populismo a seguito della Brexit – dichiara Tommaso Ventimiglia – è un movimento transnazionale presente ad oggi in 33 paesi europei e non. In Italia siamo sui 3000 iscritti (volter) a livello nazionale, regionale e citadino. In Liguria abbiamo già due team su Genova ormai da alcuni anni e Sanremo da fine estate 2018. Al Momento ci sono già rappresentanti su Ventimiglia e presto formeremo un nuovo gruppo su Savona.  Ci stiamo anche muovendo per una cooperazione transfrontaliera con Nizza, lavoreremo sul tema frontiere e migrazioni, gestione arrivi al fine di creare una relazione Costa Azzurra/Riviera dei Fiori. Presto ci allargheremo anche su La Spezia. Domani partiremo per Firenze alla prima conferenza nazionale, per parlare delle elezioni europee di maggio”. 

“Chi ha fatto nascere questo movimento sono giovani e non - conclude il coordinatore nazionale, Mario Ferretti –  perché a seguito della Brexit si è capito come le scelte politiche possono influenzare negativamente la vita delle persone e di fronte ad un evento come questo, si è detto basta, bisogna cambiare l’approccio della politica e bisogna far qualcosa di concreto. Abbiamo quindi deciso di creare un partito che non sia l’ennesimo partito nazionale, ma che sia un partito che cambia l’approccio alla politica di oggi, quindi un movimento paneuropeo, transnazionale, che superi i confini interni all’Europa e porti avanti una visione comune a livello europeo, un programma comune, e da qui nasce anche il nostro primo obiettivo che sono le europee di maggio, un obiettivo importante poiché continentale.

Noi vogliamo partecipare alle elezioni non da singolo paese, ma almeno 14 paesi contemporaneamente, e lo faremo con un programma comune che abbiamo votato a livello continentale, un programma che è molto concreto, perché ci vuole portare a proporre soluzioni concrete per tutti. Tre punti fondamentali, il primo, una riforma dell’Unione Europea, bisogna riformare la struttura dell’Unione per renderla più democratica ed efficace e più vicina alle persone; la seconda è tornare a crescere a livello europeo, farlo in modo inclusivo senza dimenticare nessuno, e la terza è puntare ad un’Europa che sia campionessa mondiale sui diritti, quindi lotta alle discriminazioni, lotta per i diritti civili e sociali senza divergenze tra stati puntando quindi ad un benessere comune”. 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.