Quantcast

Triora, il Comune costretto a sospendere il servizio “porta a porta”. Si torna ai cassonetti

Il luogo destinato a stoccaggio dei rifiuti è fuorilegge

Triora. Il luogo destinato a stoccaggio dei rifiuti è fuorilegge. Per questo, in seguito a una notifica dei carabinieri, il Comune di Triora è stato costretto a sospendere il servizio “porta a porta” di raccolta dei rifiuti e a ripristinare i cassonetti “di prossimità”, sistemando nuovamente per strada i contenitori della spazzatura che erano stati eliminati con l’avvento della raccolta rifiuti a domicilio.

“Ho fatto presente che non c’entro nulla: l’isola ecologica è stata aperta nel 2016 dall’amministrazione che mi ha preceduto”, ha dichiarato il sindaco Massimo Di Fazio, indagato come atto dovuto in quanto responsabile del Comune. Il borgo della valle Argentina tornerà al “porta a porta” quando sarà possibile conferire i rifiuti presso il centro di raccolta del vicino Comune di Molini di Triora.