Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Tir lumaca” contro il divieto francese, “I politici ci hanno lasciati soli” fotogallery

“Vogliamo che il Governo chieda ad Anas (gestore del tratto italiano del tragitto) di imporre il divieto di transito sopra le 19 tonnellate anche in territorio italiano”

Ventimiglia. Oltre trenta autotrasportatori, provenienti dalle province di Imperia e Cuneo e dalla vicina Francia, si sono radunati stamani nel piazzale di Trucco per dare vita ad un corteo di tir “lumaca” fino al confine italo-francese di Fanghetto, nel Comune di Olivetta San Michele: una forma di protesta contro il divieto emesso dai sindaci francesi dei comuni della val Roja che impedisce ai mezzi superiori alle 19 tonnellate di transitare sulla SS20, la strada che collega Ventimiglia alla provincia di Cuneo.

riviera24 - Il corteo di tir 'lumaca'

“Chiediamo alle autorità francesi, ai sindaci e al dipartimento di abolire questo divieto che riteniamo inutile, ingiusto e discriminatorio nei confronti di chi lavora”, dichiara Guido Rossi, segretario di Astra Cuneo, associazione di trasportatori, “In questo ultimo anno e mezzo, i camion hanno dovuto percorrere 200 km in più rispetto al tragitto originario, quando esiste una strada tracciata per collegare la provincia di Cuneo al Ponente ligure: una strada che è stata bloccata da un accordo unilaterale, senza nessun accordo preventivo, senza sedersi attorno a un tavolo per cercare soluzioni di mediazione”.

“Vogliamo che il Governo chieda ad Anas (gestore del tratto italiano del tragitto) di imporre il divieto di transito sopra le 19 tonnellate anche in territorio italiano”, aggiunge Rossi, “Altrimenti è ingiusto che i camion francesi possano transitare, non avendo alcun divieto, per rifornire la valle. Che passino da Sospel: se i divieti valgono, devono valere per tutti”.

“E’ un divieto della vergogna”, gli fa eco Aldo Caranta, vice presidente nazionale e presidente per la provincia di Cuneo di Confartigianato Trasporti, “Abbiamo già provato in tutti i modi a far togliere il divieto, ma i francesi non vogliono neanche parlare con noi. Per questo abbiamo deciso di indire una manifestazione, creare dei disagi e far parlare di quello che sta succedendo”.

“Quello della val Roja è un passaggio internazionale e non può essere vietato a chi trasporta le merci”, aggiunge Caranta, “Istituendo il divieto hanno creato un danno economico considerevole”. Non potendo utilizzare il tragitto più breve, i camionisti sono costretti a passare dal colle di Nave o percorrere l’autostrada Torino-Savona e poi Savona-Ventimiglia, allungando il viaggio di oltre cento chilometri.

“Oltre ai sindaci francesi”, spiega Aldo Caranta, “Anche quelli della valle Vermenagna remano contro di noi asserendo che quello della val Roja è un passaggio esclusivamente turistico. I politici del cuneese ci hanno lasciato soli”.

“Siamo fortemente preoccupati dalla manifestazione che ha creato enorme disagio ai residenti dei nostri due comuni”, hanno dichiarato i sindaci Fausto Molinari (Airole) e Adriano Biancheri (Olivetta San Michele), “Inoltre siamo preoccupati anche in caso di malessere da parte di un residente di Olivetta San Michele o Airole, tanto che abbiamo chiesto di avere un’ambulanza disponibile per eventuali emergenze”.

I sindaci ricordano anche il disagio quotidiano dovuto ai lavori nella galleria tra Ventimiglia e Airole.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.