Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Smaltimento dell’umido, il Partito Democratico chiede un impianto di compostaggio

"Il circolo di Sanremo prende atto dell'interruzione del ruolo di “ regista “ dello smaltimento del rifiuto umido/organico da parte della Provincia di Imperia"

Sanremo. “Il Partito Democratico di Sanremo prende atto dell’interruzione del ruolo di “ regista “ dello smaltimento del rifiuto umido/organico da parte della Provincia di Imperia e, conseguentemente, del ruolo di gestore dell’attività di trasbordo per il trasferimento fuori provincia di Idroedil e ritiene che questa situazione imponga l’adozione dal 1° marzo 2019 di misure “straordinarie“ .

Gli 11 comuni dei 2 sub-ambiti del Sanremese e Prino-San Lorenzo si valgono già della società pubblica Amaie Energia per la pulizia delle città , la raccolta dei rifiuti ed il riciclaggio delle materie valorizzabili ( carta , plastica e vetro ); il Pd di Sanremo ritiene che sia ormai venuto il momento che tale società espanda la propria attività “in house“ anche allo smaltimento di umido/organico.

Questa frazione oggi non può più essere avviata in discarica e necessita di trattamento industriale per la produzione di compost , in regime di libero mercato ; purtroppo , a causa dei ritardi nell’entrata in funzione dell’impianto di Colli, nella provincia di Imperia non esiste nessun impianto del genere e ciò ha impedito che i cittadini di Sanremo, che ormai differenziano oltre 5.000.000 di chili di umido, e quelli degli altri comuni che praticano la differenziata “spinta“, ottengano – oltre che i vantaggi ormai acquisiti per l’ambiente, grazie al prolungamento dei tempi di saturazione del lotto 6 di Collette Ozzotto – anche i legittimi risparmi che i loro sforzi meriterebbero.

Si pensi che se già esistesse in provincia un impianto simile i costi di smaltimento dell’umido/organico scenderebbero di almeno 8 centesimi di euro al chilo, con un risparmi di costi di smaltimento di oltre 400.00,00 (quattrocentomila) euro all’anno per la sola Sanremo.

Quindi proponiamo che Amaie Energia dal 1° di marzo 2019 si sostituisca alla Provinciale e ad Idroedil non solo, come appare ormai naturale, attrezzandosi autonomamente per trasferire il rifiuto umido/organico in impianti del nord Italia, ma realizzando essa stessa in Sanremo un impianto per la produzione di compost.

In tal modo i comuni che si valgono o intendono valersi della società sino all’entrata in funzione di Colli avranno una situazione certa, risolveranno un grave problema ambientale e fruiranno di consistenti risparmi.

Riteniamo che Amaie Energia, che da tempo ha individuato terreni in Valle Armea idonei ad entrambi gli scopi, e li utilizza per il momento in altro modo, abbia le competenze, il know-ow e le risorse necessarie, essendosi attrezzata da tempo, per affrontare e vincere, dopo la raccolta differenziata, anche tale sfida, e per questo motivo il Pd di Sanremo si dichiara orgoglioso della scelta di Amaie Energia come gestore d’ambito dei rifiuti, da esso fortemente voluta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.