Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, tetto da rifare: per i lavori al mercato dei fiori servono oltre 3 milioni

L'amministrazione ha confermato la gestione della struttura nelle mani di Amaie Energia fino al 31 marzo 2019

Sanremo. Sono stati stimati in circa 3 milioni e 400 mila euro i lavori di cui ha bisogno il mercato dei fiori di Valle Armea.

Per far fronte ai costi dei primi lavori di messa in sicurezza, l’amministrazione comunale ha nei giorni scorsi rinnovato ad Amaie Energia la concessione della struttura fino al 31 marzo 2019.

La partecipata di Amaie S.p.A e del Comune che si occupa principalmente della raccolta differenziata porta a porta di alcuni comuni della provincia, si è resa disponibile ad accollarsi i primi lavori di messa in sicurezza per un importo di circa 250 mila euro che le saranno scontati dal canone dovuto a Palazzo Bellevue.

I principali problemi dell’immobile realizzato negli anni ’80 con il finanziamento del Ministero dell’Agricoltura riguardano l’impermeabilizzazione della copertura e lo stato di alcune travi che sono irrimediabilmente logorate, mentre i magazzini ad ogni pioggia intensa si allagano. Manca anche la certificazione antincendio.

Dopo la liquidazione della vecchia cooperativa Ucflor, la gestione della struttura e la concessione all’uso della stessa era passata nella mani della società in house. Caduto il vincolo di destinazione d’uso a mercato (scadeva il 6 di novembre), la struttura è rientrata da poco a pieno titolo nella disponibilità del Municipio.

Tra le ipotesi sulle quali sta ragionando l’amministrazione Biancheri per far fronte agli ingenti costi di ristrutturazione di cui ha necessità il mercato, ci sono quelle di concedere una concessione pluriennale ad Amaie Energia, in modo tale da permetterle di programmare gli investimenti su un periodo più lungo di gestione – che attualmente viene prorogata di anno in anno dal 2013 – e valorizzare, quindi vendere, una porzione minoritaria dell’edificio.

Nel frattempo quello spazio dedito agli scambi tra coltivatori diretti e grossisti ha cambiato volto, diventando sede stabile di un impianto sportivo, da quando non si è stata più disponibile la palestra di Villa Ormond. Un cambio graduale che sta portando il mercato dei fiori a trasformarsi in qualcosa di nuovo, a due passi da The Mall.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.