Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, raggiravano gli anziani e svuotavano i loro conti corrente. Arrestati dalla polizia di stato

Esperti nella truffa, viaggiavano in tutta Italia in cerca di vittime

Più informazioni su

Sanremo. Una donna di 38 anni e il suo compagno di 39, entrambi di origini francesi ma abitanti a Sanremo, sono stati arrestati, in quanto ritenuti responsabili di furto aggravato e continuato, dalla polizia di stato di Imperia a seguito di un’attività d’indagine condotta dal commissariato di Genova San Fruttuoso.

Mentre l’uomo è stato rintracciato a Genova, grazie alla collaborazione della squadra mobile imperiese è stato possibile individuare ed arrestare anche il complice dimorante nella “Città dei Fiori”. Per entrambi, il pubblico ministero di Genova, Silvia Saracino, aveva emesso un provvedimento di fermo.

Le indagini. Secondo quanto ricostruito, i due arrestati formano una coppia di professionisti della truffa che macinava migliaia di chilometri a bordo di auto noleggiate di grossa cilindrata, in trasferta da Sanremo a Roma, Firenze, Parma,Verona, Asti, Torino, Genova per raggirare gli anziani e svuotare loro il conto corrente, passando da un albergo all’altro per non farsi rintracciare, vestendo abiti distinti e utilizzando modi garbati e raffinati.

Almeno quattro i colpi a Genova. Ma le indagini ancora in corso ne stanno accertando molti di più in tutto il Nord Italia.
Gli investigatori sono riusciti a identificarli grazie ad un’articolata attività d’indagine e all’analisi di centinaia di immagini estrapolate dalle telecamere installate presso gli sportelli bancomat.

Come agivano. Attraverso le immagini visionate, è stato possibile osservare il modus operandi della coppia: facendo finta di attendere il proprio turno o di aver appena finito un prelievo, stazionavano nei pressi degli sportelli bancomat in attesa della vittima, solitamente anziana. Una volta giunta la preda si posizionavano abbastanza vicini da sbirciare e annotarsi il codice pin digitato dalla stessa, la distraevano con un diversivo e, contemporaneamente, le rubavano la carta restituita dalla macchinetta prima della consegna delle banconote, facendole credere che la mancata restituzione del bancomat fosse dovuta ad un guasto tecnico. Agivano prevalentemente la sera e nei fine settimana così da impedire alle vittime di rivolgersi immediatamente presso le agenzie per recuperare la propria carta, mentre loro avevano tutto il tempo di prelevare il massimo del limite previsto, per un totale complessivo di circa 12.000 euro.

La perquisizione della squadra mobile. Nell’abitazione in cui si rifugiavano sporadicamente a Sanremo, gli uomini della squadra mobile di Imperia, hanno rinvenuto numerosi capi di abbigliamento ed oggetti acquistati utilizzando i bancomat rubati agli anziani. I due soggetti sono stati condotti rispettivamente presso la casa circondariale di Genova Marassi e Imperia; all’esito delle rispettive convalide dell’arresto, per il primo il giudice competente ha disposto la custodia cautelare in carcere mentre per il secondo, il giudice imperiese ha disposto la meno gravosa misura cautelare del divieto di dimorare nelle province di Imperia e province limitrofe.

Questa attività, mirata in particolare alla tutela delle fasce deboli, così come voluto dal questore della provincia di Imperia Cesare Capocasa, fa seguito a quella già effettuata nei giorni scorsi dagli investigatori della Squadra Mobile imperiese che ha visto l’emissione della misura cautelare del divieto di dimorare nelle province di Imperia, Cuneo, Torino ed Aosta, nei confronti di un 38enne marocchino e di un 37enne algerino, entrambi dimoranti in Francia, nella zona di Marsiglia, resisi responsabili di fatti reato analoghi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.