Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, più biglietti agli albergatori per il Festival e le altre manifestazioni Rai

Per soddisfare la richiesta delle associazioni di categoria bisogna rivedere la Convenzione con la società concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo

Sanremo. Più biglietti agli albergatori per il Festival e le altre manifestazioni Rai. 

Di fronte alla riconquistata popolarità della kermesse di febbraio e l’aumento del numero di presenze nelle strutture ricettive in occasione della manifestazione, le associazioni di categoria hanno richiesto al Comune un aumento degli abbonamenti messi a disposizione dalla Convenzione con la società concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo.

«La dotazione dei ticket è sottodimensionata rispetto alle esigenze reali delle imprese ricettive – dice Igor Varnero, presidente di Federalberghi Imperia –. Dalla conduzione di Carlo Conti il Festival ha riacquisito la sua popolarità e parallelamente è cresciuta la richiesta dei nostri ospiti per i biglietti, la cui ripartizione non soddisfa la domanda».

«Da un punto di vista di impostazione – continua Varnero –, bisogna rivedere la Convenzione Rai che assegna agli albergatori soltanto 140 biglietti a fronte di una capienza dell’Ariston di circa 1600 posti. Chi soggiorna a Sanremo in occasione del Festival e preferisce la nostra città rispetto ad altre destinazioni credo debba essere in tutti i modi favorito, mentre in vista della prossima edizione non abbiamo potuto soddisfare tutte le richieste».

Lo stesso vale per il talent show riservato ai cantanti 4.0, Sanremo Young, la cui seconda edizione sarà nuovamente condotta in diretta su Rai Uno dal Teatro Ariston. Cinque sabati tra febbraio e marzo con la conduzione di Antonella Clerici, le cui opportunità potrebbero essere sfruttate maggiormente con l’apertura delle serate al pubblico e la messa a disposizione dei biglietti agli albergatori.

L’obiettivo, come ha sottolineato in una nota stampa anche Silvio Di Michele, presidente di Federalberghi Sanremo, è quello «di creare pacchetti turistici mirati che permettano di avere una più ampia ricaduta positiva su tutto l’indotto». Perché, «mai come in questo momento il supporto all’economia di Sanremo e della Riviera di Ponente deve rappresentare uno dei fini prioritari per il nostro sistema pubblico e privato».

Dal canto suo, l’Amministrazione non sembrerebbe negare la sua disponibilità alla revisione della Convezione Rai, tanto che Igor Varnero parla di un incontro che «potrebbe avvenire già alla fine di questo Festival», i cui abbonamenti per le cinque serate, tra l’altro, saranno messi in vendita a partire dall’8 gennaio: 1.290 euro il prezzo per la platea e 672 per la galleria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.