Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ritrovate tre tavole di Tommaso Biazacci, a Dolcedo la presentazione del restauro

Il restauro è stato condotto con professionalità da Giorgio Gavaldo, sotto la direzione di Alfonso Sista

Dolcedo. Sono stati l’intuito e la perspicacia di don Carmelo Licciardello a suggerirgli di indagare sull’origine di quei brani di colore che aveva visto sulle tavole di copertura di un mobile secentesco, quando si era arrampicato sull’armadio della sacrestia della chiesa di San Giovanni Battista di Ripalta.

Prontamente aveva chiesto l’intervento della Soprintendenza di Genova che aveva appurato si trattasse di tavole dipinte.
Ma è stata la loro rimozione ed un attento esame che hanno permesso di attribuire alla scoperta un valore storico-artistico sorprendente: si trattava di dipinti medievali del XV secolo che riconducevano allo stile dei Biazacci.

Il restauro condotto con professionalità da Giorgio Gavaldo, sotto la direzione di Alfonso Sista storico dell’arte della Soprintendenza di Genova ha confermato l’attribuzione iniziale alla bottega dei Biazacci e in particolare a Tommaso, quello che è considerato il capo bottega ed il più dotato tra i due. In particolare risulta molto stringente la comparazione con il Santo Stefano del polittico della Vergine e Santi che si conserva al Museo di Sant’Agostino di Genova proveniente con quasi certezza dal Ponente ligure.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.