Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dolceacqua tra le ‘100 mete d’Italia’. Sinergia pubblico-privato è carta vincente

Il borgo è stato premiato per lo sviluppo turistico sviluppato in questi anni, oltre che per le sue intrinseche bellezze paesaggistiche, storiche ed architettoniche

Dolceacqua. Il Comune di Dolceacqua per il secondo anno consecutivo è fra le “100 mete d’Italia” premiate ieri a Roma presso il Senato della Repubblica.

La cerimonia si é svolta presso la Sala Koch di Palazzo Madama. Il prestigioso riconoscimento è arrivato in seguito alla candidatura del Comune al concorso “100 mete d’Italia” indetto dal Gruppo Dell’Anna con il patrocinio del Senato della Repubblica, Anci e diversi ministeri fra cui il ministero dei Beni Culturali, il ministero delle Risorse agricole e forestali, il ministero dello Sviluppo economico, il ministero dell’Ambiente, il ministero delle Politiche sociali e diversi altri enti come Federturismo.

100 mete d’Italia – spiegano gli organizzatori – si propone di rendere merito ad autentiche esperienze finalizzate allo sviluppo, alla crescita, al potenziamento, realizzate per il miglioramento concreto della qualità della vita“.

Dolceacqua, unico Comune Ligure, è stata premiata per lo sviluppo turistico sviluppato in questi anni. E’ stata considerata meritevole, oltre che per le sue intrinseche bellezze paesaggistiche, storiche ed architettoniche anche per l’esistenza di una virtuosa collaborazione fra pubblico e privato per la valorizzazione e la promozione turistica e culturale; in particolare gli investimenti fatti nel recupero del castello dei Doria e del sistema multimediale installato che lo rende oggi uno dei monumenti storici più visitati in Liguria.

47572141_370000520244156_4001924821309980672_n

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.