Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bolkestein, Benveduti: “La proroga ridà speranza alle nostre coste”

"Confidiamo che il prossimo Parlamento europeo sia in grado di rivedere significativamente il tutto"

Più informazioni su

Genova. “Un aiuto concreto che ridà speranza a un comparto strategico per le nostre coste liguri, duramente colpite dai ben noti eventi di calamità naturale”. È il commento dell’assessore allo Sviluppo economico Andrea Benveduti in merito all’intesa raggiunta dal Governo sull’esclusione, per i prossimi quindici anni, dall’applicazione della direttiva Bolkestein per i lavoratori del comparto balneare.

“È un primo passo – continua l’assessore Benveduti - restiamo comunque fortemente contrari ad una direttiva, che va contro le esigenze dei territori e le specificità del nostro Paese. Confidiamo che il prossimo Parlamento europeo sia in grado di rivedere significativamente il tutto”.

Sono oltre 300, dei 1.350 in totale, gli stabilimenti liguri che hanno subito danni gravi. “Il Governo – sottolinea l’assessore - ha compreso la drammaticità della situazione, dando ascolto al grido di dolore di una parte così importante dell’economia italiana”. La Regione Liguria al contempo, attraverso la finanziaria regionale Filse, sta elaborando una linea di finanziamento analoga a quella attivata per le imprese coinvolte nel crollo di ponte Morandi.

“Siamo in dirittura d’arrivo – annuncia Benveduti – Abbiamo già fatto diversi incontri con Abi e con i diversi istituti di credito per definire gli elementi tecnici della misura che andrà a sostenere economicamente le piccole o medie imprese, che hanno subito danni dalla mareggiata di fine ottobre. Agevolazione che non sarà però cumulabile ad altre agevolazioni pubbliche. Ragione per cui occorre attendere, vista la volontà del Governo di predisporre un’iniziativa a favore delle imprese danneggiate attraverso un finanziamento a fondo perduto. Stiamo aspettando di conoscere l’entità degli stanziamenti nazionali, per calibrare al meglio la dotazione di risorse regionali a cui verranno affiancate quelle bancarie”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.