Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Settebello, l’Italia stravince ed Imperia regala uno spettacolo alla pallanuoto

Il pubblico imperiese ha risposto in massa per la partita Italia-Francia

Più informazioni su

Imperia. Il pubblico imperiese ha risposto in massa per la partita Italia-Francia. La piscina Cascione era piena, affollata in ogni ordine di posto, con spettatori che sono dovuti rimanere in piedi. Insomma una cornice come, da tempo, non se ne vedeva ad Imperia per un evento sportivo.

La platea, tornata a casa dopo il match terminato con la vittoria dell’Italia, avrà avuto tanto da raccontare: l’inno di Mameli cantato da tutto l’impianto, i giovanissimi giallorossi che hanno sfilato con i campioni a bordovasca e, nell’intervallo, hanno lanciato il messaggio ‘Genova nel Cuore’. Anche la Rari è sempre vicina al nostro capoluogo.

La vittoria azzurra (12-3) arriva così in un clima di allegria generale: la Francia non può nulla dinnanzi allo strapotere dei ragazzi del CT Campagna. E già all’intervallo, il match aveva preso una direzione univoca dato l’8-1 recitato dal tabellone. A fine gara, la presidente Francesca Leone premia Capitan Matteo Aicardi, come miglior giocatore.

Proprio quel ragazzo cresciuto in Rari, conosciuto adesso in tutto il mondo. E che, insieme al mister, ha voluto raccontare la sua storia sportiva agli atleti delle nostre giovanili, facendoli innamorare ancor più della pallanuoto. Perché tutto è partito da qui, da Imperia.

I ragazzi del Settebello, dopo l’allenamento mattutino odierno, hanno fatto ritorno alle rispettive sedi dei club: grandi non solo nel fisico ma anche nello spirito. Ieri mattina avevano svolto una sessione di allenamento insieme ai ragazzi di ISAH, che hanno già cominciato da tempo a prendere confidenza con la pallanuoto. Ed oggi, hanno incontrato le classi elementari dell’Istituto Nostra Signora della Misericordia: tanti bambini che hanno fatto foto ed autografi con i campioni. E chissà che un domani a cantare l’inno a bordovasca, con la calotta italiana, non possa essere uno di loro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.