Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, a Palazzo Roverizio due incontri su “Natura e Tradizione celtica”

Ciclo di incontri organizzato dalla Provincia Massonica di Imperia con relazioni di Alfredo Moreschi e Luigi Corino

Sanremo. Palazzo Roverizio, lo storico palazzo di via Escoffier ospiterà due incontri dal titolo: “Natura e Tradizione: dalle piante dei Celti all’alchimia del vino”.

Le due manifestazioni, aperte al pubblico Sanremese sono curate dalla Provincia Massonica di Imperia della Gran Loggia d’Italia degli A:.L:.A:.M.., sotto l’egida della Delegazione Regionale della Liguria. La prima di queste conversazioni è programmata per le 16.30 di sabato 10 di novembre; Alfredo Moreschi, quarta generazione di una famiglia di artigiani fotografi, custode del patrimonio di immagini e reperti accumulati nel tempo è anche un appassionato di botanica e dell’ambiente vegetale ligure. In questa veste, ha pubblicato nel 2012,
per i tipi della Zem Edizioni ed il collaborazione con Claudio Porchia, il libro “Il mondo verde celtico”.

Il secondo incontro, che si terrà il 1° di dicembre nella stessa sede ed ora vedrà protagonista il fotografo ed esperto di laboratorio Luigi Corino, il quale  approfondirà i curiosi “aspetti vegetativi della vite e le sue metamorfosi quale frutto di un sapere antico ed alchemico”.

La ricerca che da corpo alla primo dei due incontri prende in esame antichi testi d’epoca greca e romana dai quali emergono gli aspetti più significativi degli usi e delle conoscenze di questo insieme di comunità tribali d’origine indoeuropea che riuscirono ad esprimersi in una comune cultura, religione, consuetudini e lingua rimanendo, fra di
loro, sempre fortemente antagonisti.

Frazionati in vari gruppi di popolazioni che scelsero di non lasciare alcuna traccia scritta sulla propria vita sociale. Galli e Celti sono nomi che Romani e Greci, rispettivamente, hanno assegnato a questo frammentato insieme di comunità che non riuscirono mai ad essere nazione; infatti si ignora persino come si autonominassero, nel loro
insieme, queste comunità che si insediarono in gran parte dell’Europa a partire dal terzo millennio a.C.

In particolare è il loro rapporto esistenziale, fra il magia e scienza con la natura e le piante ad essere al centro dell’incontro; sorprenderà conoscere che utilizzi, nomi, intuizioni e persino ricette attuali, provengono da questo lontano periodo e dai misteri di un popolo tuttora solo parzialmente svelato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.