Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incidenti stradali in provincia. Per numero di vittime, Imperia è seconda solo a Savona foto

Il maggior numero di morti si sono registrati a Ventimiglia

Imperia. Con 5,1 morti in incidenti stradali ogni 100mila abitanti, quella di Imperia è la seconda provincia in Liguria per vittime della strada dopo Savona, dove gli incidenti mortali sono 9,3 (per 100mila abitanti). Scendono, rispettivamente, a 4,8 e 4,1 le percentuali relative alle province di Genova e La Spezia. In totale, nel 2017, sulle strade della Liguria hanno perso la vita 87 persone in 8680 incidenti. 

Il dato emerge dal rapporto annuale consegnato dall’ISTAT, che ha registrato, lo scorso anno, in Italia 174.933 incidenti stradali con lesioni a persone, in leggero calo rispetto al 2016, con 3.378 vittime (morti entro 30 giorni dall’evento) e 246.750 feriti. A preoccupare è il numero dei morti, che torna a crescere rispetto al 2016: sono 95 le vittime della strada in più rispetto all’anno precedente, un incremento del +2,9%.
Aumentano, tra le vittime, i pedoni e i motociclisti, mentre risultano stabili gli automobilisti deceduti.

Tra i tanti incidenti che nel 2017 hanno sconvolto gli imperiesi, ricordiamo la doppia tragedia in via Carabinieri Fois, a Ventimiglia. Erano le 18,30 del 4 gennaio quando Luciano Guglielmi, pensionato 66enne residente nella città di confine, in sella al suo scooter investì Mohamad Hani, 26 anni, migrante giunto dalla Libia. Da un muretto, il giovane era balzato in mezzo alla strada. Inevitabile lo scontro. Mohamad morì sul colpo. Luciano Guglielmi spirò dopo una settimana di agonia.

E’ sempre la città di confine quella che nel 2017 sembra aver pagato il prezzo di sangue più alto per quanto riguarda le vittime di incidenti stradali. Il 28 marzo, in corso Genova, perse la vita Cristian Lorenzi, 30 anni. In sella al suo scooter si era scontrato frontalmente con un secondo scooter che viaggiava in direzione opposta. Erano le 6,40 del mattino e il giovane stava andando al lavoro.
Sempre in corso Genova, il 26 agosto perse la vita il 35enne Luca Colangelo, originario di Sanremo. Un automobilista aprì la portiera della vettura mentre Colangelo stava transitando in moto. Il 35enne cadde a terra e venne investito. Morì sul colpo.
A Ventimiglia, il 23 novembre 2017, dopo circa un mese di agonia, morì Claude Christian Lemal, 78 anni. L’uomo era stato sbalzato a terra dalla sua bicicletta, dopo che la ruota anteriore era finita in una griglia di scolo delle acque, posizionata al contrario.

Il 27 settembre, in via Beglini a Taggia, pere la vita il 27enne Luca Cardone, di Ospedaletti. Era in sella alla sua moto di grossa cilindrata quando si scontrò contro un’auto condotta da un 31enne.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.