Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, via libera alla tassa di soggiorno. Oneglio: “Migliorerà l’offerta turistica”

L'assessore Gianmarco Oneglio annuncia la costituzione di una Consulta per il turismo

Imperia. “Abbiamo scelto di introdurre la tassa di soggiorno perché, vista la situazione in cui versa il bilancio comunale, ci permetterà di avere risorse da destinare alla realizzazione di iniziative importanti per la città” .

Così l’assessore al Turismo Gianmarco Oneglio   spiega l’introduzione della tassa di soggiorno votata ieri sera dal consiglio comunale dopo oltre un’ora di discussione.

“Inoltre -aggiunge Oneglio –  era prevista nel Patto per il turismo siglato dalla precedente amministrazione. Vorrei ricordare che le città limitrofe l’hanno già adottata e avranno dunque un extra-budget da investire sul turismo. Senza la tassa, dunque, Imperia avrebbe visto cresce il gap turistico con le altre realtà del realtà del territorio”.

E le tariffe sono state fissate?  “Sulle tariffe -risponde Gianmarco Oneglio –  incontreremo le associazioni di categoria, come già abbiamo fatto nelle settimane scorse. A seguito di questi incontri, ci sarà una delibera di giunta che le definirà. Parallelamente disporremo uan Consulta per il turismo che raggrupperà attorno a un tavolo associazioni di categoria ed esperti del settore”.

Parte della minoranza, però,  durante la discussione ha adombrato il dubbio che i fondi possano essere usati diversamente….

“La tassa di soggiorno -replica l’assessore al Turismo della giunta Scajola –  è un’imposta di scopo e le sue finalità sono quelle deliberate dal consiglio comunale. Non c’è dunque alcun rischio che queste risorse finiscano nel calederone del bilancio comunale, ma verranno utilizzate esclusivamente per scopi turistici.
Ricordo che la tassa è presente in oltre 150 città in Italia e ha dimostrato di non causare un calo degli arrivi”.

“Anzi -conclude  Oneglio –  ci permetterà di avere le risorse necessarie per promuovere il nostro territorio all’esterno e ad aumentarne la competitività. La situazione ad oggi ci dice che la Liguria negli ultimi anni è cresciuta turisticamente, mente Imperia stagna. Sono convinto che nel 2019 le presenze saranno superiori a quelle del 2018″.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.