Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, inchiesta per diffamazione in campagna elettorale. Dissequestrati pc e cellulare di Paolo Petrucci

Accusato di aver realizzato con la cugina Lucia Scajola, un falso profilo Facebook con il quale avrebbero insultato gli avversari politici di Claudio Scajola

Imperia. Sono stati dissequestrati il telefono cellulare e il computer di Paolo Petrucci, indagato insieme alla cugina Lucia Scajola, per diffamazione aggravata.

I due sono accusati di aver realizzato un falso profilo Facebook con il quale avrebbero insultato gli avversari politici di Claudio Scajola nel corso della campagna elettorale che ha portato l’ex ministro a rivestire il ruolo di sindaco. Le indagini erano partite da una denuncia contro ignoti formulata da Piera Poillucci e Antonello Ranise, candidati di Forza Imperia e Marco Scajola, nipote del sindaco Claudio, coordinatore provinciale imperiese di Forza Italia e assessore regionale della giunta Toti, avversario dell’ex ministro.

Marco Scajola ha poi ritirato la querela. Restano invece, sul tavolo degli inquirenti, le denunce di Poillucci e Ranise.
Ora che la polizia postale ha concluso gli accertamenti che hanno portato all’iscrizione nel registro degli indagati di Lucia Scajola e Paolo Petrucci, quest’ultimo ha riavuto gli oggetti personali che gli erano stati sequestrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.