Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Governo impugna la legge regionale ligure sull’imbalsamazione di animali protetti

Approda in Corte Costituzionale il testo votato lo stesso giorno delle proteste degli sfollati del ponte Morandi

Genova. Il Governo, nell’ultima seduta del Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro per gli Affari Regionali Erika Stefani, ha deliberato di impugnare presso la Corte Costituzionale la legge regionale della Liguria n. 17/2018 in materia di imbalsamazione di animali selvatici anche particolarmente protetti, approvata dal Consiglio Regionale lo scorso 4 settembre (il testo dell’impugnativa http://www.affariregionali.it/banche-dati/dettaglioleggeregionale/?id=12649).

“Lega Abolizione Caccia e WWF, sezioni liguri, in quell’occasione avevano parlato di “consiglio regionale senza vergogna”, avendo l’aula di Via Fieschi approvato alla chetichella questo provvedimento nella prima seduta utile dopo la pausa estiva, dopo il crollo del Ponte Morandi, e poco dopo la protesta mattutina degli sfollati, tenuti fuori dalle porte.

La legge regionale n.17 del 2018, proposta dalla Giunta regionale e poi votata da Lega , Forza Italia e PD (contrario solo il M5S) , mira a consentire la possibilità di imbalsamare o tassidermizzare (la preparazione montata delle spoglie in sembianze del selvatico vivo) -questa la novità- anche esemplari di specie particolarmente protette di cui l’interessato proclama la morte per cause naturali. Chi trova un’aquila o una cicogna e afferma che sia morta di stenti o investita da un’auto, infatti, potrebbe farne un’uso personale, anche se si tratta di “patrimonio indisponibile dello Stato”.

Una sfacciata violazione della disciplina statale del settore (legge nazionale 157/92) che sanziona penalmente, con le stesse pene destinate a chi abbatte un animale protetto, anche chi lo imbalsama o lo tratta per la sua conservazione in bacheca o sopra ad un caminetto. Dunque, secondo i legislatori del Consiglio Regionale ligure (Lega, FI, PD) , queste erano le emergenze per il nostro territorio alla riapertura dei lavori. Una mancanza di stile e di senso delle priorità per Genova e la nostra regione, martoriata da ben altri problemi.

I consiglieri regionali che hanno votato questa indecenza, e la dirigenza che ha fornito il parere di legittimità, si dovrebbero scusare coi cittadini liguri. WWF, LAC, LAV, LIPU, ENPA avevano inoltrato, a metà settembre un dettagliato esposto ai ministeri competenti per segnalare la grave violazione delle norme statali a tutela della fauna selvatica” – fa sapere la LAC- Lega Abolizione Caccia WWF sezioni liguri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.