Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Imperia le reliquie di San Giovanni Paolo II: ospitate nella chiesa di San Giovanni Battista

Dal 2 al 6 gennaio 2019

Più informazioni su

Imperia. “Dal 2 al 6 gennaio 2019, la nostra parrocchia di San Giovanni Battista ospiterà le Reliquie di San Giovanni Paolo II”. Lo hanno annunciato monsignor Ennio Bezzone e don Dario sulla pagina Facebook della parrocchia di Oneglia.

“Saranno giornate di intensa preghiera in cui chiedere, per intercessione del santo papa, il desiderio della crescita in santità di tutti i componenti la parrocchia”, dichiarano i due sacerdoti, “Ulteriori informazioni seguiranno nelle prossime settimane. Iniziamo a pregare perché la visita delle Reliquie di San Giovanni Paolo II in mezzo a noi porti uno scossone alle nostra debole fede e ci faccia prendere coscienza delle vere esigenze della vocazione cristiana”.

L’amatissimo papa polacco, morto il 2 aprile del 2005,  è stato canonizzato, insieme a Giovanni XXIII, da papa Francesco il 27 aprile 2014. Ai fini della canonizzazione la Chiesa ha ritenuto miracolosa la guarigione di Floribeth Mora Díaz, una donna nata il 19 giugno 1963 a San José, in Costa Rica. La mattina dell’8 aprile 2011 la donna si era svegliata con un forte mal di testa, perdurando il quale era stata sottoposta ad un’angiografia, che aveva rivelato la rottura di un aneurisma cerebrale con conseguente emorragia subaracnoidea, non operabile nelle strutture mediche locali. Rimandata a casa senza speranza di guarire, il 1º maggio, mentre seguiva in televisione la cerimonia di beatificazione di Giovanni Paolo II, iniziata alle 10, quando in Costa Rica erano le 2, gli chiese di intercedere per la sua guarigione poi, dopo aver assistito a tutta la trasmissione, si addormentò. La mattina seguente, dopo il risveglio, riferì di aver sentito interiormente la voce del papa, da poco beato, che la invitava ad alzarsi dal letto: non provava più alcun disturbo, e due risonanze magnetiche, l’11 novembre 2011 e il 16 maggio 2012, confermarono la totale scomparsa dell’aneurisma.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.