Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lunedì nero del meteo ligure, il M5S visita i luoghi del disastro: “Ad Imperia gravi responsabilità da accertare”

Secondo i pentastellati, il molo del porto di Oneglia che si è spezzato in due era stato mal progettato

Imperia. Nel secondo giorno di sopralluoghi nei territori colpiti dalla mareggiata del 29 ottobre, il M5S Liguria ha tirato le somme: il lunedì nero del meteo ligure ha sfregiato porti, moli, passeggiate, attività commerciali e agricole tanto a Levante quanto a Ponente, nelle cui località (Imperia, Spotorno-Noli, Varazze, Cogoleto, Arenzano, Voltri) si sono recati nella giornata odierna parlamentari e consiglieri del MoVimento 5 Stelle.

In particolare, accompagnati dalla consigliera comunale M5S Imperia Marianella Ponte e da numerosi attivisti del MoVimento, la capogruppo dei 5 Stelle in Regione Alice Salvatore, il consigliere regionale Marco de Ferrari e i deputati M5S Leda Volpi e Marco Rizzone, hanno potuto visionare i danni arrecati al porto di Imperia Oneglia, il cui molo è stato letteralmente spezzato in due dalla furia delle onde.

“Fortunatamente, il cedimento del molo di Imperia-Oneglia non ha avuto le stesse conseguenze viste a Rapallo – afferma Salvatore – Ora però, venendo a mancare la barriera, in caso di nuova mareggiata, porto e imbarcazioni non sarebbero protetti. Grazie ai pescatori locali che ci hanno accompagnato nell’area del cedimento strutturale del molo, abbiamo potuto costatare che a spezzarsi è stata la parte nuova”.

“Venne costruita con evidenti errori di progettazione e realizzazione – spiega la capogruppo regionale - Nello specifico, gli scogli e i cosiddetti tetrapodi non sono stati fissati; inoltre la parte nuova del molo è stata realizzata in cemento ed è stata dotata di ripascimenti di terra: quest’ultima ci pare un’evidente assurdità, visto che può essere facilmente erosa dall’azione delle onde. Invece, la parte vecchia del molo, realizzata con mattoncini di pietra e scogli ben posizionati, ha retto perfettamente. All’origine del disastro che ha colpito il porto imperiese ci sono dunque, a nostro avviso, delle gravi responsabilità su cui ora intendiamo indagare. Saranno chiamati a rispondere tanto i singoli quanto le istituzioni, tra cui lo stesso Comune che ne approvò progetto e realizzazione”.

“È vero: c’è stato un evento meteo di eccezionale portata, però i danni potevano essere contenuti se non addirittura evitati se fossero state prese a suo tempo misure adeguate - concludono i consiglieri del Gruppo 5 Stelle - Il progetto come è stato poi eseguito non ha garantito la giusta protezione tanto per le imbarcazioni quanto per i ricoveri dei pescatori che si affacciano sul molo, con conseguente perdita di strumentazione e reti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.