Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vallecrosia, a Casa Rachele festeggiamenti in onore dell’omonima santa foto

Tutta la grande famiglia ha partecipato alla Santa Messa presieduta dal Vescovo e concelebrata dal parroco di San Rocco, Don Antonio Robu, da Don Giovanni Rubino, nuovo parroco di Maria Ausiliatrice

Vallecrosia. In occasione della festa di Santa Rachele, lunedì 1 ottobre si è celebrata nella RSA Casa Rachele la Santa Messa in ricordo di Mons. Francesco Palmero, di Rachele Zitomirski e di tutti i benefattori, presenti e futuri, della struttura.

Proprio a riconoscimento della famiglia Bravi, subito dopo la Santa Messa, è stata collocata una targhetta “in ricordo di nonna Ginetta”, Ospite di Casa Rachele, apposta direttamente dalla figlia su uno dei letti elettrici acquistati nei mesi scorsi anche grazie alle donazioni ricevute.

Tutta la grande famiglia di Casa Rachele ha partecipato alla Santa Messa presieduta dal Vescovo e concelebrata dal Parroco di San Rocco, Don Antonio Robu, da Don Giovanni Rubino, nuovo parroco di Maria Ausiliatrice di Vallecrosia a cui tutti hanno potuto dare il benvenuto, dal Diacono Achille Grassi, vice presidente della Fondazione e dal Diacono Adriano Garaccione, figlio di un ospite della struttura.

Il Vescovo è stato accolto dal presidente della fondazione Rachele Zitomirski Onlus, dal Vice Sindaco di Vallecrosia, dal Direttore, dal Presidente della Cooperativa Zivia, da tutti gli ospiti con i loro famigliari, dagli operatori della struttura, dai volontari dell’A.V.O. e dalla comunità di Vallecrosia.

Durante l’omelia S. Eccellenza ha salutato gli Ospiti rivolgendosi a loro come a veri padroni di Casa, perché negli anni ormai si è reso conto che in questa struttura si vive come in una grande famiglia. Il Vescovo ha poi ricordato tutti i Santi, accennando alla storia di Santa Rachele e ha ricordato Don Umberto Collecchia, con il quale ancora l’anno scorso avevamo festeggiato la ricorrenza. In conclusione ha parlato del vero significato di pazienza, ovvero sopportare la fatica fidandoci di Dio che realizza con noi una storia di gioia.

Dopo la celebrazione il presidente ha ringraziato tutti i partecipanti, auspicando alla realizzazione di nuovi progetti a medio e lungo termine a cui tutto il consiglio di amministrazione sta lavorando.

Tutti gli intervenuti hanno proseguito la serata gustando l’ottimo “menù del festino” con piatti della tradizione locale, preparati e serviti dal personale della struttura, trascorrendo momenti divertenti in compagnia di parenti e amici.

Le offerte donate dai presenti hanno permesso di raccogliere 485 euro che aiuteranno la Fondazione Zitomirski ad acquistare un sollevatore per la mobilizzazione in sicurezza degli ospiti. Le immagini della festa sono disponibili sul sito www.zitomirski.org nella sezione blog e sulla pagina Facebook Casa Rachele Zitomirski dove sono sempre aggiornate tutte le attività della struttura.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.