Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, Francesco Vignarca ai Martedì Letterari del Casinò

Appuntamento dedicato all'“Ottobre di pace”

Sanremo. Come una bella tradizione che continua, i Martedì Letterari dedicano un appuntamento ad “Ottobre di pace”. Il 23 ottobre alle 16.30 nel Teatro dell’Opera del Casinò in collaborazione con le associazioni riunite nell’Ottobre di pace e con Assefa nazionale si terrà la conferenza del dott. Francesco Vignarca, coordinatore nazionale della Rete Italiana per il Disarmo, che ha attuato in Italia la Campagna di Ican per la messa al bando delle armi nucleari insignita nel 2017 del Premio Nobel per la Pace, co-promotore del progetto “Osservatorio MIL€x“, struttura dedicata all’analisi ed alla diffusione dei dati aggiornati ed approfonditi sulla spesa militare italiana. L’incontro è inserito nel piano di Formazione dei Docenti.

Francesco Vignarca
“Chi sono? Sono nato ad Erba nel 1974, Eupiliese di sangue e al momento abitante ad Olgiate Comasco. Sposato con Lucia da oltre dieci anni e ora con tre figlie in famiglia (Lisa di 11 anni, Matilde di 7 e la piccola Rebecca di 2 anni), da sempre sono attivo nel quadro associativo comasco e nazionale dedicato ai temi della mondialità (l’esperienza di Rete Lilliput e del Forum Sociale Europeo), della Pace (il Coordinamento Comasco per la Pace, l’esperienza di una delegazione di parlamentari e società civile a Baghdad prima della guerra del 2003), della giustizia (il movimento
per un commercio equo e solidale e la finanza etica – sono socio di Banca Etica), della socialità (con esperienze di lavoro in Brasile, ad esempio) e della cooperazione sociale.

Da oltre dieci anni mi occupo in particolare di Pace e Disarmo, dal 2004 come coordinatore nazionale della Rete Italiana per il Disarmo. Un’esperienza che mi ha portato ad approfondire diversi temi in questo ambito (le spese militari, le compagnie militari private, il controllo del commercio di armi, l’alternativa conveniente del disarmo, la riconversione industriale,…) potendo interloquire a livello nazionale con Governo, Parlamento e gruppi politici ed a livello internazionale con le reti pacifiste e disarmiste oltre che con le istituzioni Europee.

Nell’ambito di questo lavoro sono stato promotore e coordinatore di campagne come Control Arms (per la richiesta di un Trattato internazionale sul commercio di armamenti, recentemente approvato all’ONU), come la campagna Banche Armate o la più recente campagna “Taglia le ali alle armi!” contro l’acquisto dei caccia F-35 e l’aumento delle spese militari. Dal 2014 sono nel coordinamento nazionale della campagna “Un’altra difesa è possibile”, lanciata all’Arena di Verona il 25 aprile 2014 ed avente come obiettivo il riconoscimento anche istituzionale della Difesa Civile non amata e Nonviolenta.

Una gran parte dell’attività di Rete Disarmo negli ultimi anni si è rivolta verso tematiche nuove (i droni armati con il Forum Europeo ad relativo, la armi completamente autonome con l’iniziativa “Stop killer robots”) e di respiro internazionale (in particolare con la Campagna per la messa al bando delle armi nucleari insignita nel 2017 del Premio Nobel per la Pace e nell’ambito del network europeo delle realtà che si occupano di controllo degli armamenti ENAAT).

Tra le iniziative più importanti a cui ho dato la mia collaborazione (e quella di Rete Disarmo) c’è sicuramente Science for Peace, progetto (con Conferenza Mondiale a Milano che giungerà nel 2016 alla sua ottava edizione) voluto fortemente da Umberto Veronesi e dalla Fondazione che porta il suo nome. Da inizio 2016 e fino ad ottobre 2017 ho lavorato con Emergency all’interno di un gruppo di lavoro (dell’area campaigning ed advocacy) incaricato di elaborare e coordinare azioni e contenuti legati all’impegno dell’associazione contro la guerra. Il primo risultato di questo lavoro è stato il web-documentario “Storia di una pallottola” pubblicato a fine 2016 e rilanciato anche da Radio24. Insieme ad Enrico Piovesana ho fondato e lanciato il progetto di “Osservatorio Mil€x“, struttura dedicata all’analisi ed alla diffusione dei dati aggiornati ed approfonditi sulla spesa militare italiana.

Sono laureato in Astrofisica all’Università dell’Insubria ed ho un Master in discipline sociologiche (“Qualità sociale e sviluppo locale”) conseguito a Milano-Bicocca, esperienza che mi ha permesso
di studiare la cooperazione decentrata e i programmi di sviluppo umano delle Nazioni Unite,
lavorando in particolare nel PDHL a Cuba. Attualmente, per coronare una vecchia passione, sto
cercando di completare un percorso di Laurea in Storia Medievale all’Università di Milano.

Ho avuto esperienze amministrative locali fondando nel 2002 la lista civica “Progetto Aperto”,
prima in minoranza e poi in maggioranza nel Comune di Eupilio in cui ho svolto il ruolo di
Consigliere Comunale per oltre otto anni.

Ho lavorato dal 2006 (e fino ad inizio 2015) per la cooperativa Altra Economia Edizioni che pubblica la rivista “Altreconomia” vero punto di riferimento del mondo dell’alternativa economica, del commercio equo e solidale e della finanza etica oltre ad una collana di libri sulle medesime tematiche. All’interno della cooperativa mi sono occupato sia di organizzazione sia di raccontare l’economia solidale ed il disarmo. Faccio parte del GAS di Caccivio e seguo dall’inizio (frequentandolo ed anche raccontandole) tutte le esperienze di distretto di Economia Solidale (nel comasco “L’Isola che c’è”) e di piccola distribuzione organizzata tra cui il Corto Circuito. Ad inizio 2016 sono stato coinvolto nell’organizzazione di “NOW Festival del Futuro Sostenibile” evento che si svolge presso Villa Erba a Cernobbio, come responsabile del Programma Culturale.

La mia attività di ricercatore ed analista mi ha portato a scrivere per il Corriere della Sera, Mosaico di Pace, Azione Nonviolenta, Il Manifesto, Lo Straniero, L’Ernesto, il Centro Ambrosiano, Solidarietà Internazionale, Rocca, Italia Caritas oltre che ovviamente per Altreconomia. Diverse mie interviste sono comparse su vari organi di informazione (L’Unità, Il Fatto Quotidiano, Liberazione, Avvenire, Repubblica, Il Venerdì, L’Espresso, Ticino7, RSera, AdnKronos, Vita, Famiglia Cristiana, il Manifesto) e – sempre per parlare dei temi della Pace e del Disarmo – sono stato ospite in alcune trasmissioni televisive tra cui AnnoZero, Agorà, UnoMattina, gli approfondimenti di RaiNews24, TG La7 Cronache, Cominciamo Bene, Apprescindere, Fischia il vento e in numerosi passaggi radiofonici (Radio Onda D’Urto, Radio Capital, RTL, Radio Vaticana, Radio Città Fujiko, Ecoradio, Radio24, Radio3 Rai, Radio Beckwith Evangelica, M2O, Radio Città Futura, Radio1 Rai…).

Ho inoltre collaborato con Riccardo Iacona alla costruzione di una puntata del suo programma PresaDiretta sul tema degli armamenti partecipando poi in studio (ad un anno di distanza) ad un successivo approfondimento sul tema F-35. La stessa trasmissione mi ha poi intervistato nel 2018 sulla questione delle bombe italiane vendute all’Arabia Saudita (che le utilizza per bombardare anche civili in Yemen).

A gennaio del 2012 il mio scoop sulla mancanza di penali per l’acquisto dei cacciabombardieri F-35 ha iniziato a rendere evidente al grande pubblico i problemi e gli sprechi di questo programma di armamento e a sbugiardare molte delle affermazioni del Ministero della Difesa. Ho pubblicato diversi libri tra cui “Mercenari spa“ (per BUR-Rizzoli) sul tema delle compagnie militari private, “Il caro armato“ (per Altreconomia con Massimo Paolicelli) sulle spese militari italiane per la prima volta conteggiate integralmente, “L’Economia armata“ (con Chiara Bonaiuti e Giorgio Beretta) sull’impatto negativo del finanziamento alle armi ed un più recente “Armi, un affare di Stato“ (con Duccio Facchini e Michele Sasso per ChiareLettere) libro in cui si tratteggia a tutto tondo la problematicità del mondo della produzione e commercio di armi e si dà conto degli intrecci nefasti con la politica italiana degli ultimi anni. La mia ultima fatica è “F-35 l’aereo più pazzo del mondo“ pubblicato da Round Robin Editrice in cui racconto la partecipazione italiana al programma del caccia Joint Strike Fighter partendo dalla prospettiva particolare del territorio novarese in cui tali
aerei verranno in parte prodotti ed assemblati.

Faccio parte del movimento cattolico internazionale per la Pace “Pax Christi“, del Movimento Nonviolento e a livello territoriale dell’associazione “Down.Verso” di famiglie e persone con sindrome di Down. Dopo alcuni mesi di aspettativa parentale ex legge 104 per stare anche io vicino ai “primi passi” di Matilde ho ripreso in pieno la mia attività lavorativa e di attivista.

Credo fortemente che un mondo più giusto e una migliore ripresa del nostro Paese potranno essere costruite solamente su concetti di Pace, rispetto dei diritti di ciascuno, cooperazione e potenziamento della sfera pubblica e di cittadinanza”. 

Venerdì 26 ottobre alle 18 nel teatro dell’Opera Antonella Ferraiolo Gorlero presenta il libro: “ Antikka” (Edigraferma). Introducono l’autore la prof.sa Maria Teresa Verda Scajola e la prof.sa Maura Ferrero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.