Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Londra bandisce le pellicce: un passo importante per il futuro della moda

La stilista Stella McCartney è stata piena di elogi per il passaggio della London Fashion Week ad un futuro senza la presenza di pellicce in passerella.

Più informazioni su

La stilista Stella McCartney è stata piena di elogi per il passaggio della London Fashion Week ad un futuro senza la presenza di pellicce in passerella.

La stilista britannica ha espresso la sua profonda soddisfazione per i dati emersi da un sondaggio condotto dal British Fashion Council, che ha rilevato come nessuno dei designer della line-up ufficiale avrebbe utilizzato la pelliccia vera nelle collezioni presentate alla LFW, che si è tenuta tra il 14 e il 18 settembre.

“Sentire la settimana della moda senza pelliccia mi riempie di speranza che un giorno la moda possa essere libera da crudeltà e mi ricorda che la città di Londra è ancora punk rock ed ha un dito sul futuro della moda”, ha detto la McCartney a Dezeen. Sicuramente, nella storia della manifestazione, questa è la prima volta in cui tutti i designer partecipanti hanno presentato una collezione fur-free prediligendo, al suo posto, una linea esclusivamente con capi e riporti in pelliccia sintetica.

Il fatto che una delle più grandi manifestazioni della moda abbia messo al bando le pellicce vere è una grande conquista per le associazioni animaliste che da un paio d’anni a questa parte, attraverso le loro campagne, sono riuscite a sensibilizzare sul tema i brand del lusso, portandoli a decidere di incanalare la produzione verso il rispetto degli animali, dell’ecologia e dell’ambiente.

La pelliccia è stata considerata per molti anni un simbolo del lusso soprattutto nel periodo del boom economico, quando possederne una pregiata equivaleva ad avere raggiunto un certo stato di benessere economico e sociale.

L’evolversi dei tempi ha portato ad un ammodernamento nelle tecniche di lavorazione delle industrie tessili attraverso l’introduzione di macchine da cui si sono ricavati dei tessuti di alta qualità che riproducono fedelmente il pelo animale.

Da lì è partita la brillante intuizione di alcuni stilisti di introdurre sulle passerelle capi d’abbigliamento e accessori realizzati interamente in eco-pelliccia, ottenendo lo stesso effetto lussuoso che si ottiene utilizzando la pelliccia vera.

La lista dei grandi marchi contrari all’utilizzo di pellicce di animali per fare moda si allunga sempre di più e tra i brand italiani Versace e Gucci sono stati i primi ad aver detto no alla pelliccia, considerando l’eco-pelliccia il vero capo cool invernale da avere nel proprio guardaroba.

Nel mondo della moda si sta assistendo ad una svolta epocale senza precedenti che sdogana finalmente la pelliccia dalla condizione innaturale di status symbol, per riportarla nella sua reale dimensione di elemento della natura.

Foto: https://pixabay.com/es/personas-mujer-piel-chaqueta-2592581/

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.