Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, Gandolfi (FdI): “Non convince l’improvviso risveglio di Biancheri a nove mesi dalle elezioni”

"Pare proprio che questa smania di fare abbia più i connotati di propaganda elettorale che una volontà di lavorare per il bene della comunità", afferma il coordinatore cittadino di Fratelli d'Italia

Sanremo. “Assistiamo in questi giorni ad un’improvvisa smania di fare del sindaco Alberto Biancheri, che sembra voglia realizzare, nei prossimi 9 mesi gran parte delle opere annunciate in questi 52 mesi di amministrazione della Città e che in realtà sono rimaste nel cassetto, almeno fino ad oggi“.

Interviene così il coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia Michele Gandolfi in merito alle enunciate realizzazioni di diversi progetti presentati negli ultimi tempi proprio dal Sindaco.

Sembra che il sindaco Biancheri, solo ora a nove mesi dalle elezioni, si sia svegliato da un letargo e da un immobilismo che ha caratterizzato in tutti questi anni il modus operandi suo e della sua Amministrazione. Un modus operandi – continua Gandolfi – che ha gettato la città di Sanremo in una situazione di stallo economico, che ha messo un freno allo sviluppo del commercio, del turismo e dell’occupazione, di degrado ambientale che ha trasformato le vie di Sanremo in una discarica a cielo aperto a fronte di tariffe TARI sempre più alte, di disagio sociale e paura per la crescente criminalità che sempre più mette a rischio l’incolumità dei cittadini, di cattiva gestione del bene pubblico che ha portato ad un peggioramento dell’offerta dei servizi al cittadino e alle famiglie (basti pensare allo stato di pericolosità delle scuole o alla chiusura di tanti asili nido). Una situazione insomma che ha trasformato quella che doveva essere la “città del benessere”, tanto decantata dal Sindaco nel suo programma elettorale, in “città del malessere.

Ora all’improvviso il risveglio: ed ecco che vengono presentati i “progetti/rendering” del Palazzetto dello Sport a Pian di Poma peraltro discutibile sia sulla consistente cifra da investire che sulle scarse attrattive che potrà avere una struttura con una piscina da 25mt, della tanto attesa rotonda alla Foce opera della quale questa amministrazione vorrebbe fregiarsi come unico interlocutore quando altri Sindaci prima di lui hanno affrontato le problematiche che solo oggi, alla conclusione di questo lunghissimo iter, porteranno al tanto atteso inizio lavori; potremmo parlare del restyling del Porto Vecchio di cui ultimamente sono stati sollevati molti interrogativi sull’iter che questa amministrazione ha voluto portare avanti, oppure della messa in sicurezza delle scuole dove il Sindaco si fa fotografare con il caschetto di cantiere mentre la Regione Liguria stanzia il denaro (12.000.000,00 €) per la messa in sicurezza di tutte le scuole della Provincia compresa Sanremo.

Potremmo andare avanti ancora, ma questo lo faremo nelle sedi opportune, con le interrogazioni che i consiglieri comunali Lombardi e Berrino continueranno a presentare per mettere in condizione i Cittadini di capire la differenza fra il fare ed il promettere.

Ci domandiamo il perché questi progetti vengono presentati solo ora come progetti fattibili quando in passato si giustificava la loro irrealizzabilità adducendo motivi legati a problemi tecnici, burocratici piuttosto che economici? Secondo noi Sanremo merita di più di promesse o di progetti che alla fine si riveleranno meri annunci mediatici, degli spot elettorali per conquistarsi il favore della cittadinanza ed alimentare false speranze che verranno puntualmente tradite.

Pare proprio – conclude Gandolfi – che questo risveglio e smania di fare abbiano più i connotati di propaganda elettorale che una precisa volontà di lavorare per il bene e l’interesse della comunità“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.