Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ragazza precipitata a Capo Nero, chiesto un doppio incidente probatorio

Per verificare entità ferite riportate dalla giovane e dall'algerino in carcere per tentato omicidio

Imperia. Un doppio incidente probatorio per verificare l’entità delle lesioni riportate da Alena Sudokova è stato richiesto dal sostituto procuratore Barbara Bresci, titolare delle indagini sul tentato omicidio di Capo Nero, insieme al procuratore capo Alberto Lari. L’obiettivo della perizia è stabilire l’entità delle ferite riportate e, in particolare, capire se la donna si fosse procurata delle lesioni prima di cadere.

Alena, 22 anni, è precipitata da una scarpata di Capo Nero la notte del 31 luglio scorso: ora è in coma e lotta tra la vita e la morte all’ospedale Santa Corona, di Pietra Ligure. Ancora in carcere, il 32enne algerino Zied Yakoubi, accusato di aver spinto la ragazza nel dirupo, forse dopo averla aggredita nel tentativo di violentarla. Zied nega, sostenendo di essere caduto anch’egli nel tentativo di afferrare la ragazza e salvarla.

A differenza di Alena, il magrebino è rimasto ferito in modo non grave, procurandosi solo la frattura di alcune costole.

Ad effettuare la perizia sarà Francesca Fossati, medico legale dell’Università degli studi di Genova.
 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.