Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, tragedia del ponte Morandi. Scajola: “Meglio aver concluso trattativa vendita azioni autostrada” foto

Il bilancio dei primi due mesi di amministrazione

Più informazioni su

Imperia. Dalla sistemazione della fontana di piazza Dante alla riattivazione dell’orologio del Palazzo Civico, passando per le buche rattoppate, la pulizia dei tredici cimiteri cittadini, la modifica della viabilità in via Santa Lucia, la manutenzione straordinaria e la cura del verde pubblico, la riapertura degli ascensori. Sono numerosi gli interventi portati a compimento dalla giunta Scajola nei primi 58 giorni di mandato.

claudio scajola

A tracciare il bilancio dei primi due mesi di amministrazione è stato il sindaco Claudio Scajola.

Nei dettagli. Nei quindici giorni di funzionamento, gli ascensori che collegano la Marina al Parasio hanno trasportato 36mila persone, fornendo un servizio non solo ai turisti, ma soprattutto ad anziani e portatori di handicap. Gli ascensori, fermi a causa di molle che si sono “incriccate” dopo anni di inutilizzo, torneranno a funzionare con l’inaugurazione delle Vele d’epoca.
Riattivazione della fontana di piazza Dante, con le piccole sistemazioni che hanno permesso alla fontana di essere riaperta in attesa di un restauro complessivo; la riattivazione dell’orologio del palazzo civico; la riattivazione del semaforo del catasto; la modifica della viabilità, con il ritorno al doppio senso in via Santa Lucia; manutenzione straordinaria e cura del verde pubblico, abbattendo alberi secchi per dare senso di attenzione a cura del verde; pulizia straordinaria e sfalcio in tutti e tredici i cimiteri della città; spostamento del luna park dalla spianata di Oneglia, tornata ad essere un parcheggio, a Porto, sia per aumentare i posti auto che per valorizzare la banchina Anselmi. E ancora: arredo di via Cascione, con piante, cestini, piante; lotta all’abusivismo commerciale con sequestro di migliaia di oggetti contraffatti e l’acquisto di un numero considerevole di telecamere da utilizzare sia per l’individuazione dei criminali, sia per perseguire atti di vandalismo, commessi anche da chi getta rifiuti in modo non consono. Senza dimenticare il “rattoppo” delle buche presenti sul manto stradale; l’avanzamento del progetto della ciclabile che verrà approvato in giunta il prossimo 13 settembre; l’avvio della pulizia di 500 tombini; la derattizzazione e l’igienizzazzione contro le blatte.

Azioni autostrada. Il bilancio dei primi 58 giorni di mandato ha toccato anche la tragedia del crollo del ponte Morandi. Il Comune, infatti, è riuscito ad evitare il default grazie alla vendita delle azioni dell’Autostrada alla Salt, società che fa parte del gruppo Gavio, strappando un prezzo vantaggioso di 5,3 euro per ogni azione, per un totale di 3,8 milioni circa di euro. “Alla luce della terribile disgrazia del crollo del ponte e alla luce del crollo delle quotazioni di borsa abbiamo ancora un motivo in più di essere soddisfatti di aver chiuso subito la trattativa”, ha dichiarato il sindaco. “Ho stipulato un accordo di onore con l’ad del gruppo Gavio”, ha spiegato Scajola, “Quindi c’è stata da parte del cda della Salt (società del gruppo, ndr) una richiesta di acquisto al Comune di Imperia di tutte le azioni in suo possesso. L’offerta scade il 31 di agosto”.

Pista ciclabile. “Approveremo in Giunta, il prossimo 13 settembre, il progetto esecutivo della pista ciclabile nelle aree dismesse dell’ex ferrovia di Imperia. Progetto che spediremo subito dopo al Palazzo del governo di Roma, perché ne sia certificata la provenienza entro il 15 settembre. Mentre il 21 settembre, lo presenteremo alla cittadinanza”, ha annunciato Scajola, che ha voluto sottolineare il lavoro degli uffici, che non si sono mai fermati, neanche a Ferragosto pur di portare avanti il progetto. “I nostri tre obiettivi, riguardanti la modifica del progetto, sono stati tutti raggiunti”, ha aggiunto, “In particolare l’allargamento delle strade e l’arredo che presentavano una forte debolezza, soprattutto sulla presenza del verde pubblico. E poi, la realizzazione di una navetta elettrica con l’obiettivo di collegare Porto Maurizio a Diano Marina”. Quello della ciclabile è uno dei progetti che rientra nel pacchetto di finanziamenti “congelati” dal governo con un emendamento che stoppa fino al 2020 le convenzioni del Bando periferie prevista nel Decreto Milleproroghe. Per Imperia si tratta di 18 milioni di euro. “Quell’emendamento sciagurato e dilettantistico prevede lo spostamento di due anni del finanziamento, ma poiché si tratta già di un finanziamento articolato su tre annualità”, ha affermato il sindaco, “A noi dovrebbe comportare un lieve spostamento”. Riguardo i finaziamenti per altri interventi della ciclabile, il sindaco ha annunciato un incontro a breve con il governatore della Liguria, Giovanni Toti. “Abbiamo concordato un incontro per un accordo Comune-Regione per valutare la possibilità di ottenere finanziamenti per alcuni interventi utili per Imperia”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.