Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Comune di Montalto Carpasio commemora l’eccidio del 17 agosto 1944 foto

Un particolare ricordo sarà riservato a don Stanislao Barthus e al chierico Mario Bellino che morirono difendendo gli orfani loro affidati

Montalto Carpasio. Agosto 1944, pochi giorni dopo la strage di Sant’Anna di Stazzema, anche la provincia di Imperia vede le truppe tedesche (Hochgebirgsjäger – Bataillon 4) affiancate dalla Divisione San Marco, compiere stragi fra i civili.

In particolare la giornata del 17 agosto viene ricordata per una sanguinosa operazione militare che alla sera darà un terribile bilancio di vittime innocenti. La giornata iniziò sui prati del Monte Faudo dove 13 contadini inermi di Dolcedo, Pietrabruna e Civezza vennero uccisi mentre falciavano l’erba nei prati, dopo avere avuto l’autorizzazione dello stesso comando tedesco.

I soldati proseguirono poi scendendo verso la valle Argentina dal passo di Vèna, uccisero due contadini di Montalto incontrati sul sentiero. Raggiunto il Santuario di Nostra Signora dell’Acquasanta radunarono gli orfani ospitati presso il ricovero insieme a due sacerdoti. Alla minaccia di uccidere tutti i bambini si opposero fermamente i due religiosi che vennero prima picchiati selvaggiamente e poi finiti a colpi d’arma da fuoco. I bambini chiusi nel Santuario assistettero all’eccidio.

I militari raggiunsero infine il paese di Montalto dove uccisero altri tre civili fra cui il segretario comunale, ferirono il parroco (probabilmente pensando di averlo ucciso), diedero fuoco ad alcune case e rientrarono verso Taggia dove uno dei soldati si vantò, come riportano alcuni testimoni, “oggi essere stata una buona giornata!”.

Questi episodi sono ormai ampiamente documentati e consegnati alla storia nella verità dei fatti a fronte dei molteplici tentativi di stravolgimento della realtà (numerosi siti attribuiscono falsamente l’uccisione dei due religiosi ai partigiani).

Le inchieste della Procura Militare di Verona, l’atlante delle stragi nazifasciste (www.straginazifasciste.it) e numerose pubblicazioni hanno ripristinato la verità dei fatti che era stata strumentalmente modificata. Anche le ricorrenze annuali hanno questo compito, ricordare la storia e mantenerne vivo l’insegnamento a fronte di derive nostalgiche e negazioniste.

Per questo anche quest’anno il Comune di Montalto Carpasio in collaborazione con l’ANPI della Valle Argentina organizza il 17 agosto la commemorazione dell’eccidio, con un particolare ricordo di don Stanislao Barthus e del chierico Mario Bellino che morirono difendendo gli orfani loro affidati.

Alle 10 presso il Santuario di Nostra Signora dell’Acquasanta verrà celebrata la Santa Messa con anche la presenza del parroco di Cristo Re di Imperia da cui provenivano i due religiosi. Quindi davanti al monumento che ricorda l’eccidio avverrà la commemorazione: vi sarà un intervento del Sindaco, di un rappresentante dell’Anpi, una testimonianza del giudice Paolo Luppi, figlio del partigiano Ervèn e una riflessione di Giovanni Gandolfo, autore del volume “Racconti davanti al focolare.

Viaggio sul sentieri della Memoria”. Concluderà la commemorazione Nanni Perotto che con il suo libro “I bambini no, lasciateli stare!” a cui ha fatto seguito un monologo teatrale portato in scena da Gianni Oliveri del Teatro “Spazio Vuoto” di Imperia e un cortometraggio realizzato dagli studenti del Liceo Artistico di Imperia (ora disponibile su youtube https://www.youtube.com/watch?v=x67ykQMAu9E&t=1104s), ha fatto in modo che quei fatti venissero consegnati alle generazioni future evitando che cadessero nell’oblio o, peggio, venissero mistificati. La commemorazione, aperta a chiunque voglia continuare a ricordare, si concluderà con un rinfresco offerto dal Comune.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.