Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Disoccupazione giovanile, il quadro in provincia di Imperia

Il tasso di disoccupazione dei ragazzi tra i 25 e i 34 anni è passato dal 12% nel 2013 all’14% nel 2016

Provincia. La crisi economica che ormai da anni tormenta l’Italia e gli italiani ha intensificato la disoccupazione giovanile.

I giovani italiani, che siano laureati o meno, con esperienza lavorativa alle spalle o alle prime armi, fanno fatica a trovare un posto di lavoro con contratto a tempo indeterminato. I dati registrati dall’Istat confermano la crescita di questo problema.

Infatti, leggendo l’analisi dei dati raccolti dall’Istituto nazionale di statica riguardo la differenza tra il tasso di disoccupazione giovanile registrato nel 2013 (suddiviso per generi e classi d’età) e quello fotografato nel 2016, i numeri risultano allarmanti.

Ma qual è la provincia più colpita da questo fenomeno?

La situazione è decisamente peggiore nel Mezzogiorno, ma anche al Nord Italia i numeri sono molto alti: anche a Milano, conosciuta per essere la città più ‘interessata’ ad offrire lavoro ai giovani under 30, oggi un ragazzo su tre non riesce a trovare lavoro.

Nella provincia d’Imperia, il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 25 e i 34 anni è passato dal 12% nel 2013 all’14% nel 2016, con una differenza quindi di ben 2 punti percentuali.

Per quanto riguarda invece il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni, ovvero coloro che stanno ancora completando gli studi, si è registrato un lieve miglioramento: nel 2013, i giovani disoccupati erano il 40,6% mentre nel 2016 il 40,3%. Una differenza minima (-0,3%) certo, ma che si spera possa aumentare in futuro.

Secondo gli economisti del quotidiano Il Sole 24 ore è difficile trovare una tendenza univoca, a seconda del genere e dell’età, la situazione varia molto anche nello stesso territorio.

In conclusione, con quasi sette milioni di ragazzi italiani che vivono a casa dei genitori e più di due milioni di giovani senza lavoro, quello della disoccupazione giovanile è sicuramente uno dei principali problemi che la nuova legislatura è chiamata ad affrontare.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.