Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cervo, la mostra di Antonella Tavella e Francesco Pellerano in esposizione fino al 2 settembre

Cieli, miraggi, riflessi di luce, attimi colti e fissati sulla tela o su piccoli gioielli in porcellana: questo è il contenuto della mostra

Cervo. Riflessi e silenzi è il titolo della mostra di Antonella Tavella e Francesco Pellerano che si terrà il 4 agosto a Cervo ligure presso i locali dell’associazione culturale Proarte.

Cieli, miraggi, riflessi di luce, attimi colti e fissati sulla tela o su piccoli gioielli in porcellana: questo è il contenuto della mostra. Dettagli, emozioni, paesaggi dell’anima. I cieli di Antonella, i miraggi di Francesco, i coloratissimi bijoux realizzati con passione e lungo, accurato lavoro: tutto si sposa alla perfezione con l’ambiente circostante, quello del grazioso paesino ligure e dei locali dell’associazione culturale Proarte.

Originaria di Sommariva del Bosco (CN), Antonella Tavella inizia la sua attività espositiva nel 1993. Oggi vive tra le colline di Langa, tra le vigne principali fonte di ispirazione delle sue opere. Antonella Tavella da oltre 25 anni dipinge emozioni, stati d’animo. La sua pittura è un inno al silenzio, alla natura, alle cose semplici, agli angoli spesso dimenticati ma capaci di suscitare emozioni. I suoi dipinti sono un invito alla meditazione, al rispetto di tutte le cose, alla tranquillità. La realtà viene rappresentata senza le manipolazioni dell’uomo: ecco allora crearsi angoli di poesia incontaminata, dove nessuna presenza umana turba la quiete della natura.

Ha nel suo curriculum tante mostre personali e collettive in Italia e all’estero e vari premi e riconoscimenti, l’ultimo in ordine di tempo quello conquistato alla biennale d’arte al femminile di Bra (Cn). E’ socia fondatrice di varie associazioni culturali e si occupa dell’organizzazione di eventi artistici e culturali.

Francesco Pellerano è nato a Tunisi nel 1959. Ha frequentato a Torino il Liceo Artistico “Renato Cottini” negli anni in cui insegnavano artisti come Marco Gastini, Gilberto Zorio e Luigi Mainolfi. Ha finito il ciclo di studi all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino nel 1986 diplomandosi al corso di pittura di Sergio Saroni. Specializzatosi nel restauro di pale d’altare ha lavorato per un certo periodo come restauratore in diversi laboratori italiani. Ha esposto in numerose mostre e personali e collettive, tra le quali la rassegna torinese Paratissima. Pellerano trae ispirazione dal deserto, dai miraggi, dal lento procedere dei cammelli, dal contrasto tra immobilità ed energia, tra l’attesa e l’esplosione di quella felicità tanto desiderata.

La mostra sarà visitabile dal 4 agosto al 2 settembre presso l’associazione Proarte, via Salita al Castello 16, orario: 10-13 e 18-23. Per informazioni Tel. 347 8449469

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.